Blek Macigno

Il football americano è uno sport tra i più spettacolari e affascinanti. L’abbigliamento, i colpi duri, i passaggi lunghi, sono solo alcuni degli elementi di attrazione dello sport con casco e spalliera. Decine i film prodotti in USA, che ne hanno evidenziato la bellezza. Immancabile nelle scene di gioco la musica rap o rock a fare da colonna sonora e supporto alle già emozionanti evoluzioni sportive. Probabilmente queste le valutazioni fatte dai dirigenti dei Rhinos Milano, i quali tra gli obiettivi di questa stagione c’era quello di regalare ai tifosi un inno. Un canto, possibilmente di vittoria, che unisse tifosi e giocatori nel supportare i rinoceronti. Non un semplice intro musicale all’ingresso della squadra in campo, ma un vero e proprio inno curato anche nel testo. Parole che dovevano raccontare l’importanza e la storia di uno dei team fondatori del football americano in Italia.

Blek Macigno
Blek Macigno

A rendere tutto possibile è stato l’artista RAP milanese Blek Macigno che in tempo record ha saputo “sentire” la squadra e comporre “GO RHINOS”. Macigno ha saputo trovare il giusto equilibrio tra ritmo e parole, esprimendo in pieno l’orgoglio di far parte della famiglia Rhinos Milano. L’anteprima dell’inno “Go Rhinos” è stata nella migliore cornice possibile: il Derby con i Seamen allo Stadio Vigorelli. Lo scorso 12 aprile, davanti ad oltre 2000 spettatori, lo stesso Blek Macigno ha cantato l’inno con il pubblico. La curiosità del pezzo musicale “Go Rhinos” è che tutti i cori presenti nella traccia sono stati cantati dai giocatori del team milanese. Qui l’intervista a Blek Macigno

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.