Home / Atletica / Danilo Goffi e l’asse Milano-Roma: buona Blood Runner, ora tocca a Varese
Danilo Goffi primo italiano alla Milano Marathon 2014
Danilo Goffi primo italiano alla Milano Marathon 2014

Danilo Goffi e l’asse Milano-Roma: buona Blood Runner, ora tocca a Varese

Si conclude con una passerella trionfale su Roma il week-end lungo di Danilo Goffi; una quattro giorni iniziata a Milano giovedi sera. L’occasione, il lancio della nuova linea di scarpe adidas originals zx flux nata dalla collaborazione tra il marchio tedesco e Lapo Elkann.

E tra gli asset adidas invitati all’evento organizzato durante la Milano Fashion Week, c’era anche il Campione Italiano Assoluto di Maratona.

Dopo l’allenamento di venerdì, sabato il portacolori del Monza Marathon Team si è trasferito a Roma per partecipare alla Blood Runner. Ad accompagnarlo, Rossana e Giulia della community adidas #cityrunners che già avevano affrontato con il campione nervianese la Mezza Maratona all’Alpe di Siusi.

E’ con loro che nel pomeriggio Danilo fa tappa da LBM Sport in qualità di testimonial: numerosi gli appassionati di corsa accorsi nel punto vendita per scambiare due parole con lui, chiedergli consigli e suggerimenti sia sulla preparazione che sul materiale e scattare le foto di rito.

Il via della gara che lo vede indiscusso protagonista è fissato per le 9.00 di domenica mattina: partenza dal Gianicolo per 4km su strada e altrettanti su sterrato attraverso il parco di Villa Pamphili. E’ un percorso mosso, intervallato da continui saliscendi, che consente al maratoneta nervianese di fare una seduta di potenziamento in vista della prova nella Grande Mela.

26’23” il suo crono finale: una corsa ad andatura regolare, senza strappi e senza tirare, terminata in scioltezza e tranquillità.

“Roma ha sempre il suo fascino”, racconta il vincitore al termine della gara. “La vista mozzafiato dal Gianicolo mi ha dato la giusta carica per affrontare questa prova al meglio, e correre tra il verde di uno dei parchi più grandi della capitale.”.

Anche qui incitato da chi assisteva alla manifestazione o correva nel polmone verde romano, Goffi ha riscontrato

analogie con la mia Montagnetta di San Siro: certo, il panorama circostante è differente, ma le salite e le discese e lo sterrato, mi han mentalmente riportato a Milano.

Sono soddisfatto di quello che sto facendo dopo Livigno: finora settembre è stato un mese particolarmente frizzante tra appuntamenti sportivi e più mondani; ho ancora tanta energia per continuare al meglio delle mie capacità il percorso di avvicinamento a New York.

Sono sereno, circondato da persone che mi sostengono e mi guidano nel modo giusto, e molto determinato a proseguire in questo modo. Insomma, cosa aggiungere, se non che vi aspetto numerosi domenica prossima al Giro del Lago di Varese?”

 

Chiara Franzetti

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Cristian Nisticò

Sono nato e cresciuto in Lombardia. Mi considero giovanissimo e ambizioso, amante del calcio giocato e parlato; da sempre tifosissimo della Juventus, oltre che appassionato dei campionati inferiori e meno conosciuti di questo sport.

Check Also

Che festa per la 4x400 (foto Colombo/FIDAL)

Atletica italiana: la rinascita parte dalla Lombardia

La lenta rinascita dell’atletica italiana pone le sue radici in Lombardia. Dopo l’exploit di Filippo …

StoneBrixiaMan 2018, Elena Marocci alla caccia del podio

Sabato 7 luglio 2018, seconda edizione di StoneBrixiaMan. Appuntamento imperdibile per praticanti ed appassionati del …

Filippo Tortu

Filippo Tortu: “Cercherò di migliorarmi ancora”

Filippo Tortu è l’uomo del momento. Il velocista milanese di origine sarda a Madrid è …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi