E’ in programma da venerdì 12 a domenica 14 giugno la 52ª edizione del Trofeo Settecolli. Durante la manifestazione, che si propone anche come test di preparazione ai Mondiali di Kazan (Russia), scenderanno in vasca circa 700 atleti, per un totale di 2000 presenze gara, in rappresentanza di 36 Paesi.

Presente anche il Team Nuoto Sport Management che schiererà 24 atleti, compreso Gabriele Detti, al rientro dopo un problema fisico.

A guidare la squadra sarà il capitano Filippo Magnini, che gareggerà nei 50sl, 100sl e 200sl. Pronti a recitare un ruolo importante, oltre a cercare di strappare il pass per Kazan, anche Claudio Fossi (50ra, 100ra, 200ra), il vice campione italiano nei 200mi Davide Cova (100ra, 200mi), Valerio Coggi (200mi, 100fa, 100sl e 200sl) e Mattia Schirru (50sl, 100sl).

Tra le donne occhi puntati su Giulia Verona (100ra, 200ra) e Stefania Cartapani(50do, 100do), vice campionesse italiane rispettivamente nei 200ra e nei 100do, oltre a Francesca Fangio (50ra, 100ra, 200ra), bronzo nei 200ra agli assoluti primaverili.

Così il Team Manager Gionatan Menga: “Il Settecolli è un meeting molto importante che ci permetterà di testare la condizione dei nostri atleti in vista degli impegni internazionali di questa estate. Non abbiamo solo Magnini e Detti che parteciperanno ai Mondiali ma anche tantissimi giovani come Alessandro Bori e Giulia Verona che saranno ai Giochi Europei il prossimo 23 giugno e ai Mondiali Juniores di fine agosto, o ancora Stefania Cartapani e Francesca Fangio impegnate alle Universiadi di luglio”. Infine anche un pensiero per Gabriele Detti: “Sono molto felice del suo rientro. È uno degli atleti più forti del panorama nazionale che cerca conferme a livello internazionale”.

Non solo nuoto al Foro Italico. Infatti ci sarà spazio anche per il test event del duo misto del sincronizzato e un prestigioso quadrangolare di pallanuoto, che vedrà sfidarsi Croazia, campione olimpico e bronzo mondiale, l’Ungheria campione del mondo e vice campione europeo, gli Stati Uniti e il Settebello, vice campione olimpico e bronzo europeo. Tra gli azzurri anche Giacomo Bini, mancino della BPM Sport Management.

Mauro Carturan
cartu73@gmail.com
Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.