Pietro Peccenini, foto Marco Pieri

Approfittando della pausa estiva degli abituali impegni nel VdeV, Pietro Peccenini si è “allenato” sul leggendario tracciato di Spa affrontando un impegnativo weekend extra-campionato nella Formula Renault 2.0 Nec (North European Cup).

Pietro Peccenini in azione a Spa nella F Renault Nec, foto Marco Pieri
Pietro Peccenini in azione a Spa nella F Renault Nec, foto Marco Pieri

Sulla monoposto del team lombardo TS Corse il driver milanese classe 1973 si è così rituffato nelle sfide con i giovani rookie che animano la serie internazionale, una delle più competitive per chi sogna un futuro in F.1. Intenso il lavoro affrontato fin dai test del mercoledì e passando poi per prove libere e qualifiche Peccenini è riuscito ad affrontare unaconsistente gara-1, nella quale al traguardo ha migliorato due posizioni rispetto alla griglia di partenza. Dopo i progressi mostrati nella corsa del venerdì, però, l’intensa pioggia caduta sabato mattina sulla pista belga e l’inevitabile safety car hanno pesantemente condizionato gara-2, interrotta a circa due terzi della distanza prevista. Il portacolori della scuderia di Stefano Turchetto è comunque stato capace di entrare in zona punti, guadagnandone 0,5 (assegnato punteggio dimezzato).

Pietro Peccenini, foto Marco Pieri
Pietro Peccenini, foto Marco Pieri

Peccenini racconta così il fine settimana e le prestazioni di Spa: “Il grip in pista mutava spesso durante i test, però in generale abbiamo ottenuto positivi riscontri fin da mercoledì. Il lavoro svolto sulla nostra F.Renault è stato efficace perché all’inizio non eravamo a posto e invece siamo arrivati in qualifica con la possibilità di sfruttare una buona messa a punto. Poi in gara-1 abbiamo trovato un’ottima partenza e soprattutto nei primi giri eravamo piuttosto competitivi. In gara-2 era invece impossibile restare in pista, troppi rischi di aquaplaning, ma l’importante è che, in un campionato dal livello altissimo, siamo stati protagonisti di un weekend positivo e soprattutto molto utile. Ci siamo allenati bene godendoci anche un contesto splendido e un paddock colmo di gente. Ora ci fermiamo per la pausa estiva nella quale mi dedicherò a lavoro e famiglia. Sarà utile ricaricare le batterie e tornare a fine agosto nel VdeV per continuare a fare bene e giocarci la top-five di campionato”.

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.