Il Circolo della Spada M° Lodetti, in collaborazione con il CUS Milano e con l’Associazione Internazionale di Psicologia Clinica dello Sport (AIPPS) e con il patrocinio del Coni Lombardia, della Federazione Italiana Scherma, del Comune di Milano e dell’Ufficio Scolastico di Milano, organizza la prima edizione del “Trofeo Internazionale Maestro Marcello Lodetti”. Il 27 settembre 2015, presso il Palazzo della Triennale di Milano, in Viale Alemagna, si svolgerà infatti, alle ore 18.00, l’incontro tra le squadre Nazionali Italiana e Ungherese di Spada Femminile.

In campo saranno schierate le ragazze azzurre Roberta Marzani, Alice Clerici, Nicol Foietta e Eleonora De Marchi guidate dal coach Anna Ferni e la squadra ungherese del coach Attila Plàsztàn composta da Anna Kun, Réka Bohus, Dominika Kiss e Laura Szabò.

“Abbiamo colto subito la proposta di partecipare a questo ricordo del Maestro Lodetti – spiega Alessandro Castelli, oggi presidente del Cus Milano e, in giovane età, azzurro dell’atletica leggera – Il figlio del celebre maestro, Giovanni Lodetti, è infatti il nostro ‘guru’ della scherma universitaria a Milano e ci ha fortemente appassionato a questa elegante disciplina. Siamo poi onorati che l’evento venga ospitato in una sede prestigiosa quale è la Triennale di Milano che, voglio ricordare, è l’unico stand di Expo in città”.

Marcello Lodetti, milanese, ha seguito la nazionale italiana durante varie edizioni dei Giochi Olimpici, dei Mondiali e delle Universiadi ed è stato caposcuola dell’evoluzione in seno all’alta tradizione psico-pedagogica internazionale di un Modello Tecnico vincente nella disciplina schermistica. Dal 1994 è stato anche il presidente dell’AIPPS (Associazione Internazionale di Psicologia e Psicoanalisi dello Sport) che si occupa di psicologia clinica applicata all’attività ludico sportiva.

Ed è proprio il 1° Congresso Internazionale di Psicologia Clinica dello Sport a introdurre l’importante evento con gli interventi, per la parte storica, di Sergio GiuntiniFelice Fabrizio, storici dello Sport, e di Claudio Gregori, celebre firma della Gazzetta dello Sport e, per la  parte clinica, dell’attuale presidente di AIPPS Giovanni Lodetti, di Evi Crotti fondatrice della prima Scuola di Grafologia Morettiana di Milano e delle psicologhe Elena Pomesano e Alessandra Cova. I lavori saranno aperti da Vito Tummino Presidente FISP (Federazione Italiana Società Psicologia) e membro organizzatore del XIV Congresso Europeo di Psicologia (Bicocca – Milano, 2015). Tra gli obiettivi fondamentali di AIPPS vi sono l’approfondimento e  la  prevenzione al disagio giovanile attraverso lo strumento sportivo puntando alla formazione del carattere e ad un positivo sviluppo della personalità con una particolare attenzione al mondo della disabilità.

“Mi fa davvero piacere che Giovanni Lodetti, nel ricordare suo padre, il mio Maestro Marcello, abbia pensato ad una gara tutta al femminile – commenta Clara Mochi, pluricampionessa italiana assoluta e giovanile, 2 titoli Mondiali di Fioretto  a squadre, olimpica a Mosca ’80 e a Los Angeles’84 e  membro del Comitato Organizzatore – Sono stata sua allieva, forse una delle prime, e grazie a lui ho ottenuto importanti successi. Da allora la scherma femminile ha fatto passi da gigante e credo che dietro ai numerosi successi delle atlete italiane ci sia anche il suo prezioso contributo in termini di innovazione, tecnica e atteggiamento psicologico alla gara”.

Con Clara Mochi nel comitato tutto rosa che organizza l’evento, ci sono anche Irene Camber, olimpionica di fioretto (Helsinki 1952), bronzo nel fioretto a squadre a Roma 1960, campionessa mondiale e Commissario Tecnico della nazionale fino alle Olimpiadi di Monaco 1972, Elisa Uga argento nella  spada a squadre femminile ai Giochi Olimpici di Atlanta 1996 e oggi consigliere nazionale della Federazione Italiana Scherma (FIS), Claudia Giordani azzurra dello sci, argento alle Olimpiadi di Innsbruck 1976 nello slalom speciale e Roberta Ravasi, schermitrice di alto livello, musicista e Maestra del CdS Lodetti, circolo in cui opera con grande professionalità e competenza.

“E’ un comitato competente in materia sportiva e composto da persone che hanno  ben compreso il modello del maestro Marcello Lodetti, al quale è dedicata la manifestazione, e la sua forza vincente – sottolinea Giovanni Lodetti, figlio dell’illustre Maestro e presidente dell’AIPPS – come mio padre spero anche io in un mondo di giovani scienziati che hanno praticato Sport, anche a livello agonistico, per poter condurre gradualmente per mano con competenza e sensibilità il bambino, il giovane e l’uomo di domani, in un mondo migliore. E’ un compito molto difficile ed in un momento di grandi sconvolgimenti; ma è l’unico a cui dobbiamo affidarci”.

Ad arricchire il programma della manifestazione ci saranno laboratori interattivi che toccheranno i temi più cari ad AIPPS: integrazione, età evolutiva e musica.

Per tutta la durata dell’evento sarà fruibile la mostra multimediale curata da Alberto Francescut  che ripercorrerà il cammino fatto.

BARALDI&CASSANI media e sports

Cristian Nisticò
mistic96@live.it
Sono nato e cresciuto in Lombardia. Mi considero giovanissimo e ambizioso, amante del calcio giocato e parlato; da sempre tifosissimo della Juventus, oltre che appassionato dei campionati inferiori e meno conosciuti di questo sport.