Home / Calcio / Erick Thohir: “Obbiettivo Inter? Vogliamo entrare tra i primi 10 club al mondo”
Erik Thohir, foto sito dcunited.com
Erik Thohir, foto sito dcunited.com

Erick Thohir: “Obbiettivo Inter? Vogliamo entrare tra i primi 10 club al mondo”

Poco prima della sfida tra Inter-Fiorentina, il Presidente dell’Inter Erick Thohir ha parlato in esclusiva ai microfoni di Sky.

Le dichiarazioni di Thohir.

Siamo in una posizione eccellente, i risultati sono eccellenti, anche i rapporti interni alla squadra. Il mercato è stato ottimo, ma io sono concentrato sull’oggi. La Serie A è difficile, ci sono 6 o 7 club che possono competere.

Siamo concentrati, teniamo i piedi per terra, non voliamo solo per le buone notizie e aspettative. Le prime 5 non sono state facili, ma grazie alla solidità della squadra e al carattere di Mancini, le abbiamo vinte.

Ma siamo felici, siamo felici, non possiamo negare di esserlo.

Poteva immaginare che la Juve sarebbe stata così lontana dopo 5 partite?

No, questo fa parte delle sorprese del calcio.

Il rapporto con l’allenatore.

Il rapporto con Mancini sta crescendo, chiaramente non lo conosce bene, è arrivato da un anno. Ora parliamo molto al telefono, a volte per il fuso ci messaggiamo, l’ho incontrato ieri, crediamo nel progetto, anche se non può essere un progetto perfetto, perché il business e la vita non sono perfetti.

Mancini ha un carattere forte, grande personalità, è un allenatore che facilita il lavoro, il clima in squadra è positivo, da’ un grande sostegno anche all’aspetto commerciale del club, perché lui è anche l’icona della società. Come Presidente e come squadra dobbiamo sostenerlo.

La nostra filosofia è quella di portare all’Inter le persone migliori, con la mentalità migliore, e credo che stiamo costruendo qualcosa di interessante in questo momento.

Se a gennaio siete ancora primi e Mancini le chiede un altro giocatore, crede di poterlo accontentare ancora?

Prima vediamo cosa succederà a gennaio. Se saremo ancora primi, dirò lo stesso.

Dobbiamo intanto continuare a concentrarci partita per partita e poi, per quanto riguarda i giocatori, sì, ce ne saranno alcuni che arriveranno, contestualmente a cessioni, per mantenere intatto il numero della rosa. Non possiamo averne 30. Ne possiamo avere solo 25. Ma ci muoveremo ancora.

Avete lavorato molto per dare a Mancini i giocatori che ha chiesto. Ora cosa si aspetta da lui?

Al momento non mi posso lamentare, i risultati lo dimostrano, ma vogliamo crescere ancora e dipenderà dai risultati di quest’anno. Se andremo in Champions, dovremo avere 20-22 giocatori di pari livello.

È troppo presto per parlare di scudetto, ma abbiamo degli obiettivi. Vogliamo entrare tra i primi 10 club al mondo. Quindi… scudetto? Dobbiamo puntarci, pensando di partita in partita.

Alcuni dicono che l’Inter non  gioca bene. È d’accordo?

Credo che il risultato sia più importante, anche se sì, dobbiamo ancora migliorare molto.

Hanno bisogno di crescere insieme come squadra, ma i risultati sono ottimi e credo fortemente in Mancini.

Possiamo crescere.

Ha detto tempo fa che Mancini è il vero leader. Possiamo dire lo stesso di Felipe Melo?

Ci sono molti giocatori di carattere in questo momento.

Se non sbaglio Icardi è il capitano più giovane della storia, è maturo per un giocatore della sua età, ha un carattere forte.

Miranda, Felipe Melo, Medel… anche loro formano il carattere della squadra.

Sono arrivati 10 acquisti in estate. Chi l’ha sorpreso di più?

Felipe Melo e Kondogbia. Molti sono perplessi su Kondogbia, ma è giovane, ha qualità eccellenti, corre avanti e indietro, gestisce il gioco, può crescere nel tiro, nella fase offensiva e sono sicuro che lo farà.

Ma tutti stanno dando quello che mi aspetto e spero continuino a dare il meglio in campo. Questo è quello che vogliamo mostrare: che combattiamo.

Il mercato è stato eccellente, vogliamo investire ed essere sicuri che la squadra cresca sempre di più.

Che partita vorrebbe vedere stasera?

Vincere, vorrei vincere. È eccitante vedere una partita tra la prima e la seconda in classifica, ma noi vogliamo vincere, vogliamo che ce la faccia per i tifosi, visto che tra l’altro giochiamo in casa.

 

Ufficio Stampa Sky

Loading...

About Cristian Nisticò

Sono nato e cresciuto in Lombardia. Mi considero giovanissimo e ambizioso, amante del calcio giocato e parlato; da sempre tifosissimo della Juventus, oltre che appassionato dei campionati inferiori e meno conosciuti di questo sport.

Check Also

Rhinos Milano: coi Guelfi Firenze il ritorno di Chris Ault

Sabato 20 maggio i Rhinos Milano saranno impegnati in trasferta contro i Guelfi Firenze per …

PES 2018: Konami annuncia data di uscita, immagini, gameplay e trailer

Konami ha annunciato la data di uscita di PES 2018. Che vedrà la luce ufficialmente …

Italian Softball League: recuperi, doppietta per Bollate

Doppia affermazione sia per l’MKF Bollate, nel derby con il Legnano, sia per il Kampo …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi