Gianluigi Donnarumma, l’adolescente a cui i rossoneri stanno affidando la porta da quattro turni di campionato a questa parte, sta dimostrando di essere giocatore con un grande talento e potenziale. Gianluigi, o gigio, come lo chiamano a Milanello, è già riuscito a fare parlare di sè, dentro e fuori dal campo. Sul terreno di gioco, da quella rete subita da Berardi su punizione, Donnarumma ha dimostrato continuità e concentrazione da portiere navigato. Con lui in campo, nelle ultime quattro gare il Milan non ha mai perso, trovando tre vittorie e un pareggio.

Peccato di gioventù – Fuori dal campo però, il portiere rossonero, fresco di convocazione con la nazionale Under 21, ha commesso un peccato di gioventù come si suol dire. Donnarumma infatti è finito sotto il mirino della critica, per aver postato qualche anno fa alcuni stati poco carini sul suo profilo facebook, nei confronti di tifoserie rivali, oltre che per espressioni goliardiche sull’attuale CT azzurro Antonio Conte. Purtroppo la notizia  ha fatto il giro del web, tanto che al ragazzo è toccato chiudere la pagina del social network.

La risposta del Milan – La risposta del Milan non si è fatta attendere, e in una nota del sito ufficiale la società si schiera a difendere il proprio portiere: “È una delle poche certezze della vita. Non essere mai uguali a se stessi. Crescere significa sbagliare, rimediare, migliorare. Guardate Gigio e guardatelo bene: ma non le sue parate. Guardate il suo sorriso. Tenero, aperto, appena accennato: in quel sorriso c’è scritto che ha sbagliato ma che non preserverà. Dietro una tastiera c’è sempre una ottava di goliardia in più. A qualsiasi età e soprattutto a quella in cui, 13-14 anni, Gigio canzonava questo e quello. Certo che ha sbagliato, ma a quell’età che altro si fa?”.

News Reporter
Nato a Milano. Studente di Scienze della Comunicazione presso l'Università Statale di Milano. Dall'amore per il calcio e per il giornalismo, nasce la volontà di perseguire la carriera di giornalista,specie in ambito sportivo, al fine di unire le due passioni.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi