Home / Calcio / Regina Baresi: l’Inter Femminile e il calcio in rosa, ecco la mia ricetta…
Regina Baresi, foto Facebook
Regina Baresi, foto Facebook

Regina Baresi: l’Inter Femminile e il calcio in rosa, ecco la mia ricetta…

Bella, sensuale, ma soprattutto bomber. Perché Regina Baresi è la degna rappresentante di due mondi così lontani e vicini allo stesso tempo: calcio e donne, un binomio che in Italia però fa fatica ad emergere: “Il calcio femminile non è considerato professionistico e siamo costretti ad andare avanti grazie agli sponsor – le prime parole di Regina Baresi – si va avanti solo per la nostra passione, quella vera. Senza dimenticare che non siamo molto seguiti nemmeno dai media, a parte alcune partite decisive”.

Regina Baresi, foto Facebook
Regina Baresi, foto Facebook

POCHI SOLDI, MEDIA ASSENTI – Uno scenario che, se portato fuori dai confini nazionali, si ribalta totalmente: “All’estero molte ragazze lo fanno come lavoro e hanno riconoscimenti come gli uomini – prosegue Regina – credo che basterebbe poco per fare quel passo in più, per cercare di essere maggiormente seguiti”. Certo è che il calcio in rosa, negli ultimi anni, ha vissuto un grande boom: “Prima i genitori cercavano di deviare le idee delle figlie su altri sport – il suo pensiero – ora anche i genitori lasciano più spazio e grazie anche a questo si è registrato un aumento delle bambine che giocano a calcio. Certo, siamo fisicamente troppo differenti dagli uomini, non si può avere lo stesso calcio. Noi magari ci mettiamo anche più passione, perché lo facciamo solo per questo”.

Regina Baresi e Giuseppe Baresi, foto Facebook
Regina Baresi e Giuseppe Baresi, foto Facebook

UN GIRONE CON MILAN LADIES, BOCCONI E REAL MEDA – La stagione dell’Inter Femminile viaggia a vele spiegate: primo posto in coabitazione con il Como, in un girone che prevede tanti derby contro Real Meda, Bocconi Milano e Milan Ladies. E tanta voglia di emergere: “Noi ce la mettiamo sempre tutta in campo, poi a fine stagione tireremo le somme – precisa ancora Regina Baresi – la stagione è ancora lunga e impegnativa, vedremo se riusciremo a toglierci delle soddisfazioni. Noi, di certo, non ci nascondiamo”. Il calcio femminile e i pregiudizi, ma anche papà Giuseppe e zio Franco, due colonne rispettivamente di Inter e Milan: “Spesso mi danno dei consigli, anche se non parliamo solo di calcio. Quando ho iniziato i miei genitori mi misero all’erta sul fatto che il calcio rovina il fisico, è uno sport maschile e che era meglio fare qualcosa come danza e pallavolo. Ma alla fine mi hanno sempre sostenuto e devo ringraziarli pubblicamente per quello che sono riuscita a fare”.

LA RICETTA DI REGINA BARESI – Regina Baresi: è un’icona del calcio femminile, una di quelle figure che potrebbe davvero trainare il mondo del calcio in rosa. Ma cosa servirebbe per emergere definitivamente? “Abbattere i pregiudizi, avere più soldi e, magari, anche club maschili che curano pure la parte femminile. PSG e Barcellona lo fanno già e le loro rappresentanti femminili sono squadre di primissimo livello. Questo aiuterebbe anche noi giocatrici a dare il 200%”.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Serie A2 softball: Coppa Italia Final Four, il New Bollate cade in finale

Il Guardolificio Diomedi Montegranaro si è aggiudicato la Coppa Italia di serie A2 softball al …

Pallavolo Missaglia

Sitting Volley: Missaglia vince il primo Campionato Regionale della Lombardia

Si è chiusa con il successo della Pallavolo Missaglia la prima edizione del Campionato Regionale di …

John Cena

John Cena: l’uomo di punta della WWE compie 40 anni

John Cena, celebre wrestler, attore e rapper statunitense, taglia l’importante traguardo dei 40 anni. John …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi