C’è anche un po’ di Milano al via del Rally di Montecarlo Historique, manifestazione al via dal 29 gennaio al 4 febbraio.

Rally di Montecarlo Historique, Milano c’è

La gara di deputerà subito dopo il Rally di Montecarlo, gara in programma dal 21 al 24 gennaio che aprirà ufficialmente la stagione 2016 Mondiale dei rally. La prova Historique vedrà in gara tutti quei modelli che hanno partecipato allo stesso Rally di Montecarlo dal 1955 al 1980. E dunque sarà facile vedere al via modelli di automobili magari ormai fuori commercio, per far tornare i nostalgici indietro con la memoria a quei tempi andati che emozionavano quando erano giovani.

Una gara decisamente competitiva

Nonostante gareggeranno auto di una certa età, sarà comunque gara vera: il percorso di avvicinamento a Monte Carlo dalle città europee scelte dal Comitato organizzatore è affascinante, così come sicuramente l’eleganza di alcune vetture non passerà inosservata. Ci saranno diverse ore di guida, a media imposta, su strade aperte al traffico e con controlli di passaggio e orari che renderanno davvero competitivi i trasferimenti. I rally sono da sempre corse molto deleterie, dal punto di vista fisico e del deterioramento delle vetture, ma soprattutto quest’anno bisognerà tenere duro per arrivare fino alla fine, andando contro a fame, sonno e quant’altro.

Milano autostoriche, 18 equipaggi su 31 totali

A fare la voce grossa sarà Milano Autostoriche, sotto l’egida del quale saranno in gara ben 18 dei 31 equipaggi previsti al via: il sodalizio, nel 2010, aveva vinto il trofeo Scuderie mentre il titolo piloti è arrivato nel 2011 e nel 2015. Tra le molte auto al via non mancheranno primizie di rilievo, come la Golf GTI di Basilico-Barla, la Fiat 124 Abarth Spider 1600 di Roveta-Roveta, la Porsche 911 di Argenti-Amoroso e la Fiat 127 di Seno-Ferrari. Per chi cerca invece dettagli e vetture uniche, ecco sfrecciare per le terre monegasche una Autobianchi A112 Abarth, una Triumph TR2, una Porsche 911 SC di Galvagni-Bernini e molte altre.

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.