Raggiunta la matematica salvezza, il Monza viene battuto dal Caravaggio che, dati i risultati maturati sugli altri campi, subisce comunque la retrocessione.

PRIMO TEMPO – Mentre Cetrangolo torna titolare, ingresso necessario considerata l’indisponibilità di Ravetta e Radaelli, in avanti gioca il tandem Grandi-Achenza. I biancorossi forniscono buoni segnali all’avvio di gara e al 17′ D’Errico, abbattuto dopo una bella serpentina, trova su punizione Grandi, pronto all’incornata, respinta da Pennesi col corpo. I bergamaschi trovano poco dopo il rigore per fallo di Roveda e Capelli trasforma. Attaccante ospite che superata la mezz’ora scocca un’insidiosa botta dal limite, alzata da Cetrangolo sopra la traversa.

SECONDO TEMPO – Iniziata la ripresa, i giocatori di casa attaccano poco e ne pagano le conseguenza: Boggian, controllata la sfera indisturbato, trova la respinta di Cetrangolo, ma Capelli anticipa Cattaneo e firma la personale doppietta. Dal nulla ecco però super-D’Errico, che trova la rete dopo uno slalom fra due avversari e, centrata la traversa su rigore (intervento falloso di Delcarro su Roveda),  sorprende Pennesi. Nel finale Cetrangolo intercetta fuori area la sfera con un braccio e Noris trasforma la punizione.

MONZA (3-4-1-2): Cetrangolo; Molnar, Cattaneo, Perini; Roveda, Romeo, Comentale, Tripsa (68′ Capelli); D’Errico; Grandi (52′ Palazzo), Achenza (52′ Buzzi). All. Delpiano. A disposizione Brescello, Cochis, Sokoli, D’Angelo, Uliano, Soragna. All. Delpiano.
CARAVAGGIO (4-1-4-1): Pennesi; Delcarro F., Nicolosi, Di Maio, Corti (46′ Noris); Delcarro A.; Crotti (81′ Vigani), Alloni, Manzoni (83′ Peli), Capelli M.; Boggian. All. Ramella. A disp. Vimercati, Mapelli, Khawanda, Panara, Cantini, Sandrini. All. Ramella.
RETI: 21′ rig. Capelli, 53′ Capelli, 74′ D’Errico, 78′ D’Errico, 87′ Noris.
ARBITRO: Francesco Di Paolo di Chieti; collaboratori Roberto Allocco di Bra e Daniele Alibrandi di Alessandria.
NOTE: Ammoniti Roveda, Comentale, Romeo, Cetrangolo e D’Errico per il Monza, Alloni, Corti, Manzoni, Crotti, Dimaio e Noris per il Caravaggio.

Manuel Magarini
manuel.magarini@gmail.com