Home / Calcio / Altro Calcio / Finale Champions League a San Siro: Uefa, erba indegna e persone scarse
Foto Gabriele Scotti

Finale Champions League a San Siro: Uefa, erba indegna e persone scarse

Un’ennesima figuraccia schivata, forse, con estrema difficoltà, per uno stadio che, se non ospitava una finale di una competizione europea da 15 anni, un motivo doveva pure esserci. La finale della Champions League del prossimo 28 maggio si terrà tranquillamente a San Siro, ma di certo l’impianto milanese ha perso molta credibilità agli occhi della Uefa e del mondo intero. Il massimo organismo del calcio europeo era già arrabbiato per i perenni ritardi nei lavori di ristrutturazione, tanto che lunedì aveva spedito una sua delegazione per seguire da vicino il tutto. Mettendosi le mani nei capelli per la situazione del media center, un container da cantiere edile ormai da oltre tre anni, e constatando che l’unico spazio concluso ad oggi è quello del primo anello arancione.

Finale Champions League a San Siro: Uefa, erba indegna e persone scarse

A rincarare la dose, direttamente da Doha, ci ha pensato il responsabile delle operazioni degli eventi Uefa, Keith Dalton; non una persona qualsiasi, ma uno di quelli che fa parte del team che coordina gli eventi e decide dove svolgerli: “Il terreno di gioco del Meazza non è degno di una finale di Champions League”.
Un duro attacco all’organizzazione meneghina, con tanto di ironiche dichiarazioni anche su un presunto materiale umano a disposizione non all’altezza dell’impegno preso (“Il giardiniere è molto giovane ma è anche l’unica persona con competenze tecniche”); effettivamente si tratta di un tasto dolente, visto che a dieci giorni dalla sfida che vedrà di fronte Real Madrid e Atletico Madrid nemmeno gli steward sono stati ancora catechizzati sulle novità in essere, i parcheggi per le auto hanno ancora delle transenne e le zone per gli sponsor sono da ultimare.
La presa di posizione giunta in serata da parte del direttore delle competizioni della Uefa, Giorgio Marchetti (“La Uefa non ha assolutamente alcuna riserva a proposito delle condizioni del campo dello stadio di Milano, che sarà eccellente”) appare più come una frase dovuta, anche perché ormai siamo talmente a ridosso dell’evento che pensare ad uno spostamento della gara è impossibile.

La polemica è partita

Uefa che spegne dunque ufficialmente sul nascere la polemica, ma ormai la miccia è scoppiata: che San Siro sia un impianto difficile da gestire, non fosse altro per il fatto che ci giocano due squadre e che la titolarità è del Comune di Milano, è assolutamente vero. Ma quello che lascia perplessi è il troppo tempo perso, anche di fronte ad un evento come una finale di Champions League sicuro volano dal punto di vista economico. Dal 2012 l’erba di San Siro è un misto di artificiale e naturale, un modo per risolvere i problemi di scarsa tenuti che dagli anni ’90 ad oggi hanno afflitto l’impianto milanese.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Serie A2 softball, New Bollate in finale

Sabato 15 settembre a Castions di Strada (UD) si è disputato il penultimo atto della …

legnano knights

Legnano Knights, vittoria sulla sirena a Bergamo

Quarta amichevole dei Legnano Knights, ospiti del Basket Bergamo 2014, con le assenze di Benetti, …

Opera on Ice

Opera on Ice, grande pattinaggio a Marostica

È tutto quasi pronto a Marostica per la nuovissima edizione di Opera on Ice, in …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi