Bydgoszcz 19 al 24 luglio2016 Campionati Mondiali Juniores di Bydgoszcz , in Polonia - Foto di Giancarlo Colombo/A.G.Giancarlo Colombo

Altra grande prestazione per Filippo Tortu, che si è laureato vicecampione del mondo junior dei 100 metri. Un risultato storico per l’atletica italiana, quello conseguito a Bydgoszcz, in Polonia.

Filippo Tortu, altra prova da superstar

Il giovanissimo velocista lombardo si è messo al collo la medaglia d’argento in 10.24 (+0.2). Superato soltanto dallo statunitense Noah Lyles (10.17); terzo Mario Burke (10.26) di Barbados. Nessun azzurro era mai arrivato così in alto sul podio dei 100 metri. L’unico a raggiungere la finale prima di Tortu, sui 100 maschili in un Mondiale juniores, era stato Francesco Scuderi. Che conquistò il bronzo nell’edizione del 1996, a Sydney. 18 anni compiuti il 15 giugno, Filippo non ha ancora la patente. Ma è già campione italiano assoluto e semifinalista agli Europei assoluti di Amsterdam. Dove ha migliorato il record italiano junior a 10.19 (nono azzurro di sempre a livello assoluto). Tesserato per le Fiamme Gialle, abita a Costa Lambro, frazione di Carate Brianza. Ma la famiglia del papà-allenatore Salvino è di origini sarde.

L’intervista, parole da campione

Sono quasi senza parole, felicissimo – le parole di Tortu non appena riesce a districarsi dall’abbraccio travolgente dei compagni di squadra – Ora ho ancora l’adrenalina addosso e non riesco a realizzare cosa ho fatto, forse domani ci capirò qualcosa in più”. L’azzurrino scherza sulla partenza da rivedere: “Stranamente non sono partito benissimo, ero indietro, poi ho solo pensato a correre più forte che potevo. Vedevo i miei avversari abbastanza vicini, e sul traguardo non avevo capito se ero davanti o fuori dal podio… vedere il mio nome sul tabellone è stato davvero bello. Dico la verità: speravo di sentire l’Inno, ma ho dato il massimo e per oggi va bene così. E c’è ancora una 4×100 da correre, non vedo l’ora di scendere in campo con i miei compagni”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

I numeri di Filippo Tortu

Nelle graduatorie nazionali under 20 di sempre sui 100 metri, 12 dei migliori 13 tempi sono di Filippo Tortu. Dal record di 10.19 stabilito negli Europei di Amsterdam al 10.34 degli Assoluti di Rieti. In mezzo, soltanto il 10.25 di Pierfrancesco Pavoni. Che ha resistito come primato italiano di categoria per quasi 34 anni. Oltre a Filippo Tortu (argento in questa edizione) e Francesco Scuderi (bronzo nel 1996) tra gli juniores, un altro azzurro è salito sul podio in una rassegna iridata giovanile: Giovanni Galbieri, terzo ai Mondiali allievi (under 18) di Bressanone nel 2009.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.