Home / Varie / La maternità surrogata in Italia: cos’è e come funziona
Famiglia, foto Pixabay
Famiglia, foto Pixabay

La maternità surrogata in Italia: cos’è e come funziona

Spezzo viene dipinto come un mezzo quasi diabolico, invece la maternità surrogata è un’attività molto utile e apprezzata. Recentemente, inoltre, anche in Italia si è iniziato a parlare in modo massiccio di questo genere di pratica. Perché l’esperienza di diventare madre deve essere alla portata di tutti.

Che cos’è la maternità surrogata?

Per meglio capire il programma, bisogna prima sapere che cos’è la maternità surrogata.

Una descrizione molto precisa arriva dal sito del Canadian Medical Care, che ci aiuta a comprendere il progetto. Lo scopo è organizzare e mettere in pratica programmi riproduttivi. Ma non solo. Perché la volontà è anche quella di tutelare i diritti dei partecipanti. “Crediamo che il nostro aiuto sarà utile sia ai genitori biologici ed alle madri surrogate, che agli altri partecipanti di questo processo”, si legge sul sito maternitasurrogata.eu.

A chi è rivolto

La maternità surrogata, di norma, riguarda quelle donne che non possono portare a termine la gravidanza. E si esercita tramite la fecondazione in vitro (IVF). Si tratta di un metodo dove una donna accetta volontariamente di rimanere incinta. Per portare a termine una gravidanza e partorire un bambino biologicamente estraneo, che verrà poi dato ai genitori genetici. Una pratica che ha trovato l’avallo anche della Società Europea di riproduzione umana (ESHRE). Che la considera metodo di trattamento dell’infertilità moralmente accettabile.

Un percorso complesso

Dal punto di vista meramente organizzativo, i programmi di maternità surrogata e di donazione degli ovuli sono i più complessi. Stress emotivo, ma anche il numero di donne che vorrebbero partecipare molto elevato. La ricerca di una madre surrogata o di una donatrice di ovuli è in costante crescita. Chiaro che, prima di iniziare questo percorso, c’è sempre un incontro tra le parti. Se c’è sintonia, allora il programma può partire.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Bando dote sport Regione Lombardia: un successo, tutti i dati

Il bando dote sport, il sostegno che Regione Lombardia mette a disposizione ai ragazzi delle …

Internazionali d’Italia di tennis a Milano: il sogno in area Expo

Un pensiero, ad oggi senza un’idea alle spalle. Nessuna pianificazione, ma solo una provocazione. Che …

Gary Caldwell, foto Wikipedia

Manager dello sport: nasce il corso all’Università di Pavia

Per tutti coloro che vogliono diventare manager dello sport arriva il primo corso presso l’Università …

One comment

  1. stefano schiavon

    E’ comunque un gesto criminale che risponde ad immensi interessi economici.

    http://www.fanpage.it/l-utero-in-affitto-e-un-gesto-criminale/

Rispondi

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi