Vinto all’esordio il Milano Quanta conferma il proprio valore al secondo appuntamento di campionato. Conquistati altri 3 punti in classifica grazie alla vittoria in trasferta sul campo dei Vipers.

GARA

Primo tempo chiuso sul 2-0 per il Milano, da segnalare i numerosi legni colpiti dai meneghini. Nella ripresa i rossoblu, trascinati da Delfino mattatore dell’incontro, arrotondano ulteriormente, mettendo in cassaforte il risultato.
Al termine dei 50 minuti sono i ragazzi di coach Rigoni a gioire, visto il 6-1 maturato. A segno per il Milano oltre al capocannoniere Delfino (4 reti) anche Rigoni e Bellini. Per i Vipers il gol della bandiera porta la firma di Basso.

L’OPINIONE DEL MISTER

Animi rossoblu. Ovvia la soddisfazione nel post partita del tecnico dei meneghini Luca Rigoni: “Gara divertente con due squadre che si sono affrontate a viso aperto. I ragazzi hanno interpretato bene la partita: pur sbagliando varie occasioni nel primo tempo e colpendo numerosi pali siamo stati bravi a concedere poco spazio agli avversari, impostando e gestendo la manovra e il gioco, nella ripresa abbiamo arrotondato”. Nella nuova puntata di Overtime, in onda da mercoledì sui canali social dell’HC Milano Quanta, si parlerà in maniera approfondita della partita con interviste ai protagonisti.

INTERVISTE

Gianluca Stella (Asiago): “Come prima partita abbiamo giocato bene, con un buon approccio, abbiamo provato a giocare una uomo a uomo giocando bene ma non siamo riusciti a finalizzare qualche bella azione poi qualche errore di troppo in difesa e qualche penalità ha scombussolato tutto il match. Da sottolineare l’ottima prestazione del mio collega Olando”. Matteo Barsanti (Milano): “La partita di sabato è stata un test importante per verificare il lavoro svolto fino ad ora. Il ritmo è stato alto in entrambi i tempi e siamo contenti che, nonostante le assenze e la squadra nuova e giovane, siamo comunque riusciti ad esprimere un buon gioco. Complimenti all’Asiago, squadra organizzata che sta crescendo bene e penso dirà la sua in questo campionato”.

Manuel Magarini
manuel.magarini@gmail.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.