Home / Main slider / Come aprire un negozio online di articoli sportivi
Come aprire un negozio di articoli sportivi online
Come aprire un negozio di articoli sportivi online

Come aprire un negozio online di articoli sportivi

La digitalizzazione è un processo che orma sta conquistando anche il mondo delle vendite, con l’e-commerce che sta facendo registrare negli ultimi anni, anche in Italia, tassi di crescita a doppia cifra. Il settore della vendita online di articoli sportivi non fa eccezione e se vuoi aprire un e-commerce di sport non devi essere necessariamente né un informatico, né uno sportivo. Essere appassionati di sport aiuta certamente, ma occorre avere una chiara visione imprenditoriale dell’attività online che si vuole aprire e soprattutto dedicare attenzione continua a tutti gli aspetti che coinvolgono la vendita online: il sito e-commerce, spedizioni di pacchi con i corrieri, lo studio della nicchia di mercato, ecc.. La lista di consigli qui sotto ti offre una tabella di marcia per iniziare con il tuo e-commerce, vendere online articoli sportivi e spedirli in maniera economica e con successo ai propri clienti.

Individua il tuo segmento di mercato

Prima di aprire un sito di shopping online, è importante individuare una definita nicchia di mercato che sia profittevole e che ti consenta di realizzare un buon numero di vendite. Nel caso degli articoli sportivi, individua quindi le tue aspirazioni e soprattutto le tue potenzialità: valuta quindi se è meglio aprire uno store online generalista, o se è più opportuno specializzarti in un singolo sport come il tennis o il running o in una nicchia ancora più ristretta. Per questo, un aiuto importante può arrivarti dall’uso di strumenti di analisi online come Google Trends, con cui puoi individuare tutti i trend di ricerca relativi alle parole chiave del tuo business: quali sono ad esempio gli articoli sportivi più ricercati e soprattutto il cui interesse da parte degli utenti cresce nel tempo, oppure quali sono gli oggetti per i quali gli utenti stanno perdendo interesse. Un aiuto ulteriore ti arriverà da Google Adwords, con cui potrai individuare le parole chiave correlate al tuo settore e ti potrà servire anche per avere idee sulla scelta del nome del dominio.

Scegli il modello di business per il tuo e-commerce di sport

La vendita online ti mette a disposizione diversi modelli di business, ognuno con le sue peculiarità, vantaggi e svantaggi. Se desideri aprire un negozio online di sport, ma non disponi di un locale magazzino, puoi scegliere di vendere in dropshipping. Questo significa che sul tuo sito vendi prodotti che non possiedi materialmente, ma che sono nel magazzino di uno dei tuoi fornitori. Nel momento in cui il cliente fa un acquisto online sul tuo sito, l’ordine viene trasmesso in automatico al fornitore, che provvederà alla spedizione della merce. Il vantaggio di un sistema come questo è che i rischi sono bassi, non devi acquistare merce né avere un magazzino. Non mancano tuttavia gli svantaggi: non hai un controllo diretto della gestione delle spedizioni, occorre riuscire a gestire più fornitori, i margini di guadagno sono molto bassi, per cui per avere incassi di un certo interesse occorre realizzare grossi volumi di vendita.

Se invece disponi di un locale magazzino, allora potrai gestire in maniera autonoma il processo di spedizione, ma avrai la responsabilità di gestire il magazzino in maniera efficace, acquistare la merce, individuare grossisti e fornitori. Anche se richiede più tempo e maggiori spese iniziali, questo è tuttavia il modello di business adottato dalla maggior parte degli e-commerce, visto che per ogni vendita può garantire margini superiori.

Come effettuare spedizioni di pacchi per l’e-commerce

Una volta scelto il modello di business e individuati quindi i fornitori, è importante organizzare il proprio servizio di spedizione pacchi contenenti la merce ordinata dai clienti. Per garantire infatti che tutto il processo di acquisto risulti soddisfacente, anche la spedizione e la consegna devono essere curate: è importante quindi che il processo sia quanto più possibile economico e puntuale. Un aiuto importante può arrivare in questo caso da servizi di spedizione online come Packlink, un comparatore online delle tariffe dei corrieri espressi. Tra i corrieri italiani, BRT (noto anche come Bartolini) ha sviluppato una serie di tariffe di spedizione per gli e-commerce, che comprendono anche il ritiro e la consegna a domicilio. Su Packlink.it è possibile ad esempio ricevere un preventivo di spedizione pacchi con BRT con un semplice click, inserendo dimensioni e peso del pacco, oltre che le località di ritiro e di consegna. Sistemi come Packlink mettono inoltre a disposizione plugin integrabili con i più comuni e-commerce, con cui scegliere per ogni ordine il servizio di spedizione più economico e/o più rapido, incrementando in questo modo l’automazione del processo di spedizione e riducendo allo stesso tempo i costi.

Crea il sito web e-commerce

In primo luogo, è importante decidere se acquistare o meno un proprio dominio. È possibile infatti vendere online su siti come eBay, o anche in altri marketplace, veri e propri supermercati online in cui potrai aprire il tuo e-shop di articoli sportivi. Vendere sui marketplace comporta sicuramente costi fissi, ma hai il vantaggio di avere una soluzione “chiavi in mano”, in cui non devi sapere programmare per aprirti uno shop online. Se invece decidi di acquistare un dominio e aprire un e-commerce tutto tuo, dovrai scegliere una tra le tante piattaforme di e-commerce. Tra queste, le più comuni sono Magento, PrestaShop e WooCommerce, che si adattano a diversi tipi di negozio online.

È importante infine riuscire a coinvolgere i clienti, già acquisiti e potenziali. Il sito quindi di per sé non è sufficiente, dovrai raggiungere il tuo pubblico attraverso anche altri strumenti: con un blog, ma anche con profili social. Tra questi, non devono mancare per un negozio di sport Facebook, Twitter e Instagram, con cui potrai creare campagne per aumentare i tuoi follower, diffondere la conoscenza del tuo brand e incrementare le vendite.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d’adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l’hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

europa league

Europa League: chi è il Ludogorets, avversario del Milan

Archiviata la fase a gironi superata in modo piuttosto brillante ad eccezione della sconfitta finale …

giacomo bonaventura

Gattuso su Bonaventura: “Grandissima qualità, può giocare dappertutto”

Tanti guai fisici e finalmente il ritorno in piena forma. Giacomo 'Jack' Bonaventura è stato …

Olimpia Milano, LBA, ecatombe torinese

Terza sconfitta stagionale in LBA per le scarpette rosse. Gli uomini di coach Pianigiani mostrano …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi