Home / Main slider / Sara Marcioni: “pro” a 27 anni, entra nel ranking WTA
Australian Open
Australian Open

Sara Marcioni: “pro” a 27 anni, entra nel ranking WTA

Vien dal tennis l’ultima storia che invita a rincorrere i propri sogni. Sara Marcioni., 27enne da Piateda (provincia di Sondrio), gioca da poco più di un anno come professionista, andando oltre le aspettative.

RANKING WTA

Sbalorditivo soprattutto quanto fatto in doppio, vincendo addirittura due titoli internazionali in poco più di un mese e riuscendo ad arrivare fra le prime 700 della classifica di specialità. Inoltre ha appena coronato il sogno di farcela anche in singolare, entrando nel ranking Wta alla posizione 1.251. Un traguardo vicino già da settembre e diventato realtà lunedì 5 dicembre, quando le è stato assegnato il punto conquistato due settimane prima ad Hammamet (Tunisia), terzo risultato necessario per conquistare la classifica.

PASSIONE INESAURIBILE

“Fino a qualche anno fa – racconta Sara il mio sogno era arrivare in seconda categoria. Non mi sentivo all’altezza delle 2.8, mentre ora ho un posto nella classifica Wta. Le cose sono un tantino cambiate (ride, ndr)”. Ma nulla avviene per caso, e i traguardi recenti non sono altro che il frutto di una dedizione incredibile, che la accompagna da sempre. “Il primo anno che si allenava con noi – ricorda la sua coach Amanda Gesualdi – veniva a Rozzano tre volte la settimana, alzandosi alle 5 del mattino e cambiando una serie infinita di autobus e treni, per essere al club intorno alle 10. Ricordo che una volta nevicava, e nessuno di noi uscì di casa. Alle 9 del mattino mi chiamò: ‘dove siete tutti? Oggi non ci si allena?’. Era già arrivata al circolo, e c’era solamente lei. Quando ha un obiettivo, nulla la può fermare.

TENNIS OLISTICO

Un carro armato che da quel 2007, quando a 18 anni era appena dentro alla terza categoria e quando si infortunava spesso, ha fatto un sacco di strada, sposando pienamente i percorsi proposti da Tennis Olistico. Così è diventata una tennista completa tecnicamente e fisicamente. “Il nostro metodo di lavoro – spiega – è diverso da qualsiasi altro, ed è stato fondamentale. Le altre giocatrici si concentrano solo su tecnica e tattica, mentre noi abbiamo un panorama molto più ampio”.

BRAMANDO GLI INTERNAZIONALI

“Abbiamo investito tantissimo – prosegue la Gesualdi – su un percorso di crescita psicologica, non perché Sara fosse debole, ma perché aveva un tennis molto istintivo e fisico, e faticava a incanalare l’energia nella giusta direzione. Oggi invece la parte mentale è uno dei suoi punti di forza”. Lo si è visto nei 16 tornei disputati a livello Itf, fra Italia, Francia, Portogallo, Svizzera, Serbia e Tunisia. “E diventeranno ancora di più il prossimo anno. Obiettivi? Semplice: riuscire a dare tutta me stessa. Sogno le prime 300 in doppio e le prime 500 in singolare. Magari un posto nelle pre-qualificazioni degli Internazionali BNL d’Italia. Quest’anno l’ho sfiorato, l’anno prossimo voglio prendermelo”.

About Manuel Magarini

Check Also

Milano Baseball torna in Serie B: presente e futuro, parola ad Alessandro Selmi

Petto in fuori e sorriso a 32 denti. Il presidente di Milano Baseball Alessandro Selmi …

Olimpia Milano, LBA, 4-0 senza fatica

Quarto successo consecutivo in LBA per le scarpette rosse. La banda di coach Pianigiani chiude …

gol fantasma

Gol fantasma: il primo fu in un derby Inter-Milan

Il calcio è certamente lo sport più amato in Italia in grado di appassionare, ma …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi