Home / Altri sport / Scacchi a Milano: i 100 anni del Torneo Crespi
Paolo Vezzosi, foto scacchistica milanese
Paolo Vezzosi, foto scacchistica milanese

Scacchi a Milano: i 100 anni del Torneo Crespi

Disputato dal 3 all’11 dicembre nei locali della Società Scacchistica Milanese il tradizionale Torneo Crespi, con la partecipazione di 184 giocatori. Il torneo, organizzato per ricordare la memoria di Edoardo Crespi che nel 1881 fondò la Società, è giunta alla edizione del centenario: la prima edizione in memoria di Crespi si svolse infatti nel 1916.

Torneo Crespi, 100 anni di gloria

Sorpresa nel torneo Magistrale, nel quale giocavano tra gli altri il campione ex sovietico Oleg Romanishin, figura leggendario nel mondo degli scacchi, e la giovane campionessa della Mongolia, Erdene Daavademberel, numero 1 al mondo tra le Under 16. Ha vinto l’outsider Paolo Vezzosi, parmense di nascita milanese di adozione, che ha realizzato 7 punti su 9 possibili, terminando solitario al primo posto.

Oleg Romanishin, foto Scacchistica Milanese
Oleg Romanishin, foto Scacchistica Milanese

Chi era Edoardo Crespi

Edoardo Crespi (1849-1910), fondatore nel 1881 della Società Scacchistica Milanese, era una caratteristica figura di ambrosiano. Riuscito rapidamente a raggiungere una modesta agiatezza, si dedicò completamente agli scacchi. Nel suo testamento nominò il Municipio di Milano erede universale dei suoi beni di circa 200.000 lire con l’obbligo di pagare un legato di lire 45.000 al­la Biblioteca Nazionale di Brera (Braidense) – cifra notevole per quei tempi – ed altro di lire 10.000 a suoi lontani parenti. Con la rendita del capitale, l’Erede doveva istituire la “Minestra gratui­ta per i poveri”. Il Crespi dispose che nel caso il Municipio non avesse accettato l’eredità, questa dovesse passare alla Congregazione di Carità e così accadde.

Erdene Daavademberel, foto scacchistica milanese
Erdene Daavademberel, foto scacchistica milanese

Un riposo Monumentale

Tuttavia il Municipio di Milano in segno di riconoscenza per questo suo benemerito e filantropo cit­tadino, fece fare i funerali a sue spese. Crespi riposa ancor oggi al Monumentale. Invece la rendita annua della Braidense doveva essere cosi impiegata: Istituzione di una piccola Biblioteca Scacchistica pubblica intito­lata Edoardo Crespi, in seno alla Braidense; versamento di lire 300 annue alla Società Scacchistica Milanese per contributo a tornei so­ciali e versamento alla stessa di lire 3.000 ogni quattro anni dalla sua morte, per Tornei Nazionali, uno magistrale e uno minore.
Nel 1914 la Braidense comunicò alla Società Scacchistica Milanese l’avvenuto accordo in ottemperanza al testamento del compianto Edoardo Crespi, ma il torneo fu rinviato a causa degli eventi bellici. Tuttavia nel 1916, nonostante la guerra, prevalsero coloro che vollero rispettare le volontà del tes­tatore, cosicché il 1° Torneo Crespi poté, finalmente, svolgersi a Milano tra il 12 e il 28 novembre 1916.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Milano Quanta vince la Coppa Italia 2017, foto Carola Semino

Il Milano Quanta vince la Coppa Italia 2017 di Hockey Inline

Il Milano Quanta ha vinto la Coppa Italia 2017 battendo in finale per 5-0 il …

Stadio Breda di Sesto San Giovanni

Seamen Milano: Big Six, si gioca a Sesto San Giovanni

I Seamen Milano giocheranno le loro gare europee di Big Six, vista l’indisponibilità del Velodromo …

Olimpia Milano, LBA, vittoria agevole contro Brescia

Vittoria senza grossi patemi per le scarpette rosse nella gara interna contro la Germani Basket …

Rispondi

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi