Home / Calcio / Altro Calcio / Olbia-Renate: cronaca, commento e tabellino
Pallone da calcio, foto Wikipedia

Olbia-Renate: cronaca, commento e tabellino

Soffrendo per lunghi tratti della gara, il Renate conquista il secondo successo stagionale. 32 punti, il quinto posto in classifica fa sognare il popolo brianzolo.

PRIMO TEMPO

L’inizio di gara sembra favorire l’Olbia, già pericolosa dopo solo cinque giri di lancette. Merito di Kouko che si accentra dalla sinistra e lascia partire dalla trequarti un tiro che costringe Cincilla all’intervento acrobatico. E’ però un fuoco di paglia e al 16′ Scaccabarozzi confeziona il primo pacco regalo di giornata. Pallone scaricato sui piedi di Anghileri e perfetto cross per la testa “vellutata” del solito Marzeglia che non si lascia scappare l’appuntamento col gol, il nono stagionale. I padroni di casa non sfondano, e l’unico pericolo vero occorso da Cincilla nel corso del primo tempo arriva al minuto 39 quando serve un grande intervento di Di Gennaro per stroncare una conclusione di Kouko a pochi metri dalla linea di porta. Due minuti dopo Miceli si fa soffiare la sfera che arriva sui piedi di Marzeglia: l’attaccante tenta il “lob” a scavalcare il portiere in uscita ma non inquadra lo specchio della porta e l’azione sfuma.

SECONDO TEMPO

La musica sembra non voler cambiare nella ripresa. E infatti, al 5′, arriva il meritatissimo raddoppio delle nostre Pantere. Napoli converge verso il centro scodella in mezzo un pallone dorato sul quale si avventa Anghileri. Lo stacco è di alta qualità, il colpo di testa che lo segue è di quelli che fanno male. Qui cambia il volto della partita perché i ragazzi di mister Mignani non ci stanno e iniziano a spingere il piede sull’acceleratore. All’11’ dimezzano lo svantaggio con una bellissima girata di sinistra al volo di Piredda. Il giro del motore degli isolani cresce a dismisura e per ben due volte Kouko ha sui piedi il pallone del possibile pareggio. Nel finale l’Olbia prova a sparare tutte le cartucce a propria disposizione ma il Renate lotta a testa alta e con grande ardore. Respinta miracolosa di Cincilla su una goffa deviazione di Kouko a due passi dalla linea di porta, la pantere tengono e centrano il secondo successo esterno.

OLBIA – RENATE 1-2 (0-1)

OLBIA (4-3-1-2): Carboni; Pinna, Dametto, Miceli, Cotali; Muroni, Geroni (36′ st Feola), Tetteh (9′ st Cossu); Piredda; Ragatzu (17′ st Capello), Kouko. A disposizione: Montaperto, Van Der Want, Murgia, Russu, Pisano, Auriemma, Scanu, Senesi, Quaranta. Allenatore: Michele Mignani.

RENATE (4-3-3): Cincilla; Di Gennaro, Malgrati, Teso, Vannucci; Dragoni (13′ st Graziano), Pavan, Scaccabarozzi; Anghileri, Marzeglia (22′ st Florian), Napoli (37′ st Lavagnoli). A disposizione: Merelli, Mora, Schettino, Stefanelli, Galli, Santi, Palma. Allenatore: Luciano Foschi.

ARBITRO: Sig. Aristide Capraro della Sezione di Cassino (Pepe di Ariano Irpino, Iovine di Napoli).

RETI: 16′ pt Marzeglia (R); 5′ st Anghileri (R), 11′ st Piredda (O).

NOTE: giornata calda e soleggiata, terreno di gioco in buone condizioni. Spettatori: Ammoniti: Miceli (O), Pinna (O). Espulsi: nessuno. Angoli: 9-3. Recupero: pt 1′, st 4′.

 

About Manuel Magarini

Check Also

Calcio generica

Fallo di mano volontario o involontario: differenze

Il fallo di mano è sicuramente una delle irregolarità più difficili da valutare per un …

Fallo di mano del portiere fuori area di rigore: cosa accade

Nel regolamento del calcio molto spesso è usato il riferimento “ad eccezione del portiere nella …

Mondiali 2026 negli Usa: le 44 città ospitanti

La strada per diventare una potenziale città ospitante i Mondiali 2026 negli Stati Uniti sta …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi