Home / Main slider / Powervolley Revivre Milano: Fusaro tuona ‘Voglio giocare in città’
Lucio Fusaro
Lucio Fusaro

Powervolley Revivre Milano: Fusaro tuona ‘Voglio giocare in città’

Due settimane di allenamento per la Powervolley Revivre Milano prima di tornare in campo a Latina per affrontare Gara 1 dei Play Off Challenge UnipolSai. Dopo una stagione complicata, la squadra di Monti vuole dare una sterzata netta col recente passato e dimostrare nella post season il reale valore del proprio gruppo.

Bruno Cattaneo nuovo presidente FIPAV

Intanto il movimento pallavolistico nazionale ha cambiato nel weekend scorso il proprio vertice: alla guida della FIPAV per il prossimo quadriennio ci sarà l’avvocato milanese Bruno Cattaneo che succede a Carlo Magri dopo 22 anni di presidenza federale. La Powervolley Revivre Milano, dalla voce del suo Presidente Lucio Fusaro, vuole complimentarsi con il neo eletto Presidente della FIPAV: “Voglio esprimere le mie più sincere congratulazioni a Bruno Cattaneo per questa nomina. E’ una persona competente, che ha vissuto la pallavolo a tutti i livelli ed è stato proprio lui a convincermi a riportare Milano in Serie A. Sono molto contento di vederlo ora Presidente Federale, frutto dell’ottimo lavoro che ha svolto in questi anni e della passione che ci mette nel proprio operato. E’ un uomo di valore, siamo in buone mani”.

Dal trasferimento a Busto al caso Skrimov

Parlando della propria Società, il Presidente Lucio Fusaro traccia i risultati della stagione Regolare appena conclusa e guarda con fiducia agli imminenti Play Off Challenge UnipoLSai: “Sono una persona positiva, che guarda il bicchiere sempre mezzo pieno. Quest’anno non è andata come mi aspettavo, ma alla fine abbiamo dato la possibilità a tanti giovani italiani di cimentarsi con la SuperLega ed aumentare il proprio bagaglio d’esperienza. La coppia Sbertoli-Galassi per esempio è stata una scommessa vinta, hanno dimostrato carattere e voglia di mettersi in gioco nonostante la giovane età. Lo stesso vale per gli altri giovani come Tondo, Galaverna, Rudi e Cortina: hanno tutti dato il massimo per questa squadra. Mi spiace solo aver dato poche soddisfazioni ai tifosi e ai nostri sostenitori: è stata una stagione difficile sotto molti punti di vista, dal trasferimento a Busto, ai numerosi infortuni di inizio stagione fino ad arrivare al grave problema che ha colpito un giocatore molto importante per noi come Todor Skrimov. E’ stato un bene per lui e per tutti noi aver risolto quella drammatica situazione nel migliore dei modi: lo abbiamo seguito come se fosse un figlio e alla fine il nostro campione ne è uscito alla grande. Ora contiamo su di lui e su tutto il gruppo per questi Play Off Challenge: a Latina nell’ultima giornata abbiamo dimostrato quale è la vera Revivre Milano e contiamo di ripeterci già dalla prima gara”.

Powervolley Revivre Milano, il futuro è in città

Nella conversazione con il Presidente Fusaro c’è anche uno sguardo al futuro della Società, con il desiderio ormai imprescindibile di voler giocare a Milano: “Lo ripeto spesso, ma ormai è un aspetto fondamentale per continuare a portare avanti questo progetto: voglio giocare a Milano. Il prossimo anno sarà ancora molto complicato, il nostro programma è ancora incerto. Il Palalido sicuramente non sarà pronto, per questo vedremo se continuare a giocare a Busto Arsizio, dove ci siamo trovati veramente molto bene quest’anno e ringrazio vivamente il Pres. Giuseppe Pirola per la grande disponibilità e professionalità mostrata, oppure cambiare strategia. Siamo in fase di valutazione insieme agli altri sponsor e amici che credono in questo percorso. Abbiamo tanti progetti sociali aperti sul territorio milanese, tante collaborazioni con istituti scolastici e società sportive. Ma vorremmo continuare questo cammino come la squadra di Milano di pallavolo, che gioca e che vive a Milano”.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Olimpia Milano, Euroleague, sconfitta interna contro il Fenerbahce

Altra sconfitta che lascia un buon sapore in casa Olimpia Milano. Gli uomini di coach …

Pierluigi Pardo

Pierluigi Pardo: da giornalista a scrittore, ma solo lo stretto necessario

Pierluigi Pardo è uno di quei giornalisti che ti prendono e ti travolgono. Con l'ironia, …

Valori in campo

Valori in campo: ecco come lo sport insegna a diventare grandi

Presentazione ufficiale, presso la sede milanese del Coni Lombardia, dell’iniziativa Valori in campo, kermesse giunta alla …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi