Home / Calcio / Spalletti lascia la Roma: ma è davvero pronto per l’Inter?
Luciano Spalletti (Foto da Football.ua [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) o GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], attraverso Wikimedia Commons).

Spalletti lascia la Roma: ma è davvero pronto per l’Inter?

La Roma ha ufficializzato, questa mattina, con una nota sul proprio profilo Twitter l’addio di Luciano Spalletti. Il tecnico di Certaldo, dunque, non dirigerà più il club giallorosso nella prossima stagione. Ma sarà pronto per la sfida che lo aspetta in casa Inter?

Spalletti lascia la Roma

La domanda è lecita. La risposta non pare così scontata. Certo, Spalletti ha dei punti di forza indiscutibili. Ha fatto giocare bene la Roma. Ha creato a tratti anche spettacolo. Ha rigenerato Dzeko e consacrato Emerson e Paredes. Bene. Ma come ha gestito Totti? E soprattutto: il salto di qualità c’è stato? Domandare è lecito, rispondere è cortesia. E’ indiscutibile che questa squadra non sia mai riuscita nemmeno ad avvicinarsi alla Juventus. Che sarà anche di un altro pianeta, certo. Ma quando giochi per vincere devi puntare in alto.

All’Inter per vincere

E in casa Inter vogliono vincere. Punto. Non c’è tempo da perdere. Che già se n’è perso parecchio. E difatti la sua nomina arriva proprio in quest’ottica. La società vuole un allenatore già preparato e che conosca bene le dinamiche italiane. In questa settimana Walter Sabatini, coordinatore tecnico dei club Suning, chiuderà per il suo arrivo. “È un candidato molto serio ma dobbiamo vedere…”, ha ribadito. Ma il dado ormai è tratto. E Spalletti sarà a Milano già in settimana per firmare i contratti e legarsi all’Inter. Indiscrezioni parlano di mercoledì o giovedì quali giornate di presentazione alla stampa.

Dovrà gestire lo spogliatoio

Il compito di Luciano Spalletti all’Inter sarà molto difficile. Accoglie una squadra che ha salutato prima De Boer. Poi è stata affidata a Vecchi. Poi l’arrivo di Stefano Pioli e il suo esonero. E il ritorno di Vecchi. Mal di testa solo a leggerlo. Per non parlare del fatto che lo spogliatoio andrà gestito. E che la squadra sarà totalmente rivoluzionata. Ma se il compito fosse stato facile, non avrebbero chiamato lui. Che avrà anche agito forse in modo poco ortodosso con Francesco Totti. Ma che rimane uno che vuole vincere.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

#ACMSocialDay: una giornata in casa del nuovo Milan

A Casa Milan un incontro tra lo staff rossonero e coloro che parlano del club sul web. Passando per la conferenza di Abbiati e il ringraziamento di Fassone.

Arena Civica di Milano

Sport Milano: centinaia di corsi e di strutture

A Milano lo sport è di casa, con oltre 24 strutture distribuite in tutta la …

Seamen Milano, foto Dario Fumagalli

Football americano: ItalianBowl 2017, finale tutta milanese?

Una finale tutta milanese, per assegnare l’ItalianBowl targato 2017. Quello che per molti poteva essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi