Home / Hockey / Hc Milano Quanta campione d’Italia: l’intervista a coach Luca Rigoni
Luca Rigoni
Luca Rigoni

Hc Milano Quanta campione d’Italia: l’intervista a coach Luca Rigoni

Hc Milano Quanta campione d’Italia 2017 nel campionato di hockey inline. Una cavalcata vincente, quella della squadra meneghina. Diretta in panchina dall’esordiente Luca Rigoni. L’intervista esclusiva di Milanosportiva.com con il coach.

La vostra vittoria ha sorpreso in pochi…

“Quando una squadra si ripete da tanti anni può sembrare che venga tutto naturale. E invece non lo è mai. Quest’anno parecchi elementi non erano abituati a giocare per vincere. Era la mia prima esperienza da primo allenatore e posso dirmi orgoglioso dei ragazzi. Si sono messi subito a disposizione, accettando il mio nuovo ruolo, da ex compagno di squadra. Speravamo di vincere, ma non pensavamo nel dominio”.

Servirebbe un metro di giudizio europeo?

“Pecchiamo ancora qualcosa, a livello di giocatori. Spagna e Francia spadroneggiano, con almeno 4-5 stranieri per organico”.

E quello fa la differenza…

“Quantomeno aiuta. Abbiamo comunque poco da invidiare, noi, italiani, tutti di livello nazionale. Una volta usciti dal girone che contava, siamo riusciti ad aggiudicarci la President Cup. Ripartiamo da dove abbiamo finito”.

Qual è stato il momento più difficile qual è stato? La Gara 1 finale scudetto?

“Un ko doloroso. Tuttavia, siamo stati bravi a non perderci d’animo, ricompattarci e vincere nettamente sul campo del Cittadella. Forse a darci la scossa è stato il primo passo falso in campionato, sempre a Cittadella: finì 5-1, frutto di un cattivo primo tempo. Lì abbiamo recepito che, per tagliare i traguardi prefissati, dovevamo cambiare mentalità, aiutandoci l’uno con l’altro”

Sarai confermato in panchina?

“Il presidente ha sempre detto così, per un accordo di due o tre  anni”.

Milano in Italia è davvero imbattibile?

“Assolutamente no. Io ho fatto parte dei Vipers, una squadra forte. La qualità è di casa anche a Milano, ma va al di là del campo. La società sa programmare e non devi preoccuparti di altre incombenze. E’ importante avere la testa libera. Altre squadre, intanto, continuano a crescere. E ogni anno è sempre più ostico riconfermarsi. Verrà il momento in cui cadremo, speriamo il più tardi possibile”.

About Manuel Magarini

Check Also

Italian Softball League 2017: Bollate, Caronno e Saronno ai playoff

Bollate, Caronno, Collecchio e Saronno sono le quattro squadre qualificate ai playoff della Italian Softball …

Luciano Moggi

Luciano Moggi: gli 80 anni di un dirigente di successo offuscato dagli scandali

Luciano Moggi, uno dei dirigenti più importanti nella storia del calcio, festeggia oggi il suo …

Luke Zahradka, foto Dario Fumagalli

Football americano 2017 in Italia: SuperBowl, onore ai Rhinos e gloria ai Seamen Milano

I Seamen Milano si sono laureati campioni d’Italia 2017 di football americano. Battuti, nell’ItalianBowl di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi