Home / Calcio / Luciano Moggi: gli 80 anni di un dirigente di successo offuscato dagli scandali
Foto. Eurosport

Luciano Moggi: gli 80 anni di un dirigente di successo offuscato dagli scandali

Luciano Moggi, uno dei dirigenti più importanti nella storia del calcio, festeggia oggi il suo 80esimo compleanno. In Italia è stato radiato, ma è stato chiamato come consulente in Albania.

Luciano Moggi: uno dei dirigenti sportivi più importanti

Luciano Moggi inizia a lavorare come impiegato delle Ferrovie Italiane, ma sin da giovane la passione lo porta a svolgere un ruolo attivo nel mondo del calcio.

Nella prima parte della sua carriera collabora al fianco di Italo Allodi (direttore tecnico della FIGC e General Manager dell’Inter di Herrera). Successivamente svolgerà incarichi importanti al Torino, Napoli, Roma e Lazio.

I successi più importanti li otterrà però alla Juventus: dal 1994 al 2006 è infatti Direttore Generale del club bianconero. Sono tantissimi i campioni che grazie alla sua opera di mediazione sono arivati a vestire la maglia della squadra pluricampione d’Italia. Zidane e Buffon sono solo due dei nomi ancora ricordati dai tifosi.

Luciano Moggi: una carriera offuscata da Calciopoli

La lunga carriera da dirigente di Moggi viene offuscata in modo quasi irrimediabile da “Calciopoli”, scoppiata nel 2006. Tutto scoppia il 2 maggio di quell’anno quando emergono alcune intercettazioni telefoniche in cui erano coinvolte, tra gli altri, la Juventus, Moggi, direttore generale del club, e l’ad Antonio Giraudo.

I bianconeri vennero riconosciuti colpevoli di “illecito associativo” e vennero retrocessi in Serie B per la prima volta nella storia della società. Venne inoltre revocato lo scudetto 2005, mentre non venne assegnato quello conquistato dalla squadra nel 2006.

Memorabili sono i contatti con Pierluigi Pairetto, designatore arbitrale, in cui gli suggerisci i nomi di alcuni arbitri e le partite che avrebbero dovuto dirigere, oltre al comportamento da tenere in campo. Non va meglio nemmeno al figlio Alessandro, procuratore, coinvolto nello scandalo con la sua società GEA, che cura gli interessi di diversi calciatori.

Le ricostruzioni ai danni del dg sono particolarmente pesanti. Si arriva addirittura a parlare di “sistema Moggi” per sottolineare il suo modo di agire, volto a condizionare lo svolgimento dell’intero campionato. Si parla a più riprese di alcune richieste specifiche nei confronti di arbitri e assistenti, oltre ad alcune pressioni al ct azzurro dell’epoca, Marcello Lippi.

Nonostante l’accusa di avere manovrato i vertici del calcio italiano, Moggi si è sempre difeso. Ancora oggi lui rigetta ogni accusa: “La Cassazione parla di potere. Ma il potere non è un reato. Avevo potere perché lavoravo bene, era un potere per la qualità del lavoro che facevo“.

Luciano Moggi: il nuovo incarico in Albania

Moggi attualmente risulta radiato in Italia, decisione confermata anche dalla Cassazione, e non può quindi accettare incarichi da alcun club. Ad aprile di quest’anno è stato infatti ingaggiato come consulente del Partizani Tirana, squadra che milita nella massima serie albanese. Il contratto che lo lega al club è di durata triennale.

In base a quanto indicato dalla società nella nota in cui è stata ufficializzata la scelta il dirigente è stato scelto per svolgere “un ruolo di consulenza e cooperazione in tutti i settori del club, dalla parte sportiva fino al marketing“. Il presidente Demi, che lo ha fortemente voluto, punta con lui a “portare la squadra “ai massimi livelli non soltanto in patria, ma anche in campo internazionale“.

 

 

About Ilaria Macchi

Check Also

Fabio Turchi, Foto Matteo Innocenti - MIP Studio

Fabio Turchi: da Milano alla conquista degli Stati Uniti, nel segno di Evander Holyfield

Da Milano alla conquista degli Stati Uniti. Si terrà il prossimo 1 dicembre la sfida tra …

tv8

Europa League, Milan-Austria Vienna: come vedere la partita in diretta in chiaro

Dopo la qualificazione aritmetica della Lazio anche Milan e Atalanta puntano a ottenere il pass …

Big Air Milan

Freeski, Big Air finisce in gloria con Svizzera e Francia sugli scudi

Le vittorie dello svizzero Elias Ambuehl e della francese Coline Ballet Baz suggellano un evento …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi