Home / Hockey / HC MIlano Quanta tra passato e futuro: intervista con Riki Tessari
Toni Cappellari, Riki Tessari, Umberto Quintavalle e Giovanni Malagò
Toni Cappellari, Riki Tessari, Umberto Quintavalle e Giovanni Malagò

HC MIlano Quanta tra passato e futuro: intervista con Riki Tessari

HC Milano Quanta ancora una volta campione italiano di hockey inline. Una stagione dove il club meneghino ha vinto tutto, dominando in lungo e in largo. Milanosportiva.com ha intervistato il direttore tecnico, Riki Tessari.

Finisce una stagione e si è vinto tutto…

“È andata benissimo, veramente. Siamo entusiasti di aver centrato tutti gli obiettivi dell’anno, in maniera convincente”.

Milano Quanta - Cus Verona, foto Carola Semino
Milano Quanta – Cus Verona, foto Carola Semino

Il momento più difficile?

Gara 1 della finale scudetto, forse il più delicato. Ma, si sa, nella finale l’avversario dà il massimo. E la sonora sconfitta è stata un campanello d’allarme. Non ce lo aspettavamo. Poi, da loro ci siamo rifatti in maniera altrettanto netta. Lì è nata la convinzione di andare fino in fondo”.

Hc MIlano Quanta, foto Carola Semino
Hc MIlano Quanta, foto Carola Semino

Due anni fa Verona, l’anno scorso Cittadella. La costante è che Milano resta la squadra da battere

“Fortunatamente sì, speriamo anche per i prossimi anni. Milano lavora, pianifica e si organizza per questi traguardi. La società sa costruire un roster all’altezza, ed è altrettanto capace lo staff tecnico, che, nei momenti topici, mette i ragazzi nella condizione ideale, sia fisica che mentale”.

State già pensando già alla prossima stagione?

“Il 95% della squadra è completato. Ci manca l’ultimo tassello, che completeremo nelle prossime settimane. Guardiamo al campionato italiano e straniero. L’allenatore? Confermato, senza dubbio”.

È anche difficile trovare degli stimoli. Ogni volta riuscite nell’en-plein…

“Questo è il problema più grosso. Tant’è che negli ultimi anni, come l’avversario più ostico, citiamo noi stessi. Motivarci, quest’anno, è stato meno difficile: metà squadra era formata da giovani, che non avevano mai vinto”.

Luca Rigoni
Luca Rigoni

Capitolo stranieri: ingrediente per il salto di qualità anche per HC Milano Quanta?

“Fanno la differenza fuori confine. Non credo che dipenda dalla qualità, ma dall’esperienza. Milano non è poi tanto distante da quel livello: due anni fa siamo arrivati terzi al debutto, lo scorso anno, con una squadra interamente italiana e composta al 50% da under 23, abbiamo perso la qualificazione ai primi sei. Certo, qualcuno che, nei momenti caldi, sappia esaltarsi tornerebbe comodo, ma non siamo così lontani”.

Sogno per la prossima stagione?

“Sarebbe già bellissimo ripeterci, con gli straordinari: abbiamo quattro competizioni in Italia. Occhio però: le altre sono sempre più agguerrite, e rappresentiamo la squadra da battere. Il sogno potrebbe essere quello di brillare in Champions”.

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d’adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l’hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

dacia duster 2018

Dacia Duster 2018: data di uscita, prezzi, e novità

Il nuovo Dacia Duster 2018 è finalmente realtà e arriva sul mercato con prezzi e …

europa league

Europa League: chi è il Ludogorets, avversario del Milan

Archiviata la fase a gironi superata in modo piuttosto brillante ad eccezione della sconfitta finale …

giacomo bonaventura

Gattuso su Bonaventura: “Grandissima qualità, può giocare dappertutto”

Tanti guai fisici e finalmente il ritorno in piena forma. Giacomo 'Jack' Bonaventura è stato …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi