Leonardo Fioravanti (Photo credit Alessandro Dealberto/Red Bull Content Pool)

Il campione di surf Leonardo Fioravanti è uno che non si scompone. La nostra intervista l’ha visto protagonista indiscusso. Nonostante la giovane età e il peso di essere il secondo protagonista di “Red Bull Fit&Fly – Allenati con le ali migliori”, Leo si trova a suo agio. Come quando surfa tra i campioni e lo fa con classe. Magari battendo anche il numero uno al mondo.

Leonardo Fioravanti, un campione a tavola

Si è svolto oggi il secondo appuntamento di Red BullFit&Fly – Allenati con le ali migliori”: un’iniziativa speciale, in partnership con Virgin Active, pensata per stimolare chi è appena rientrato dalle vacanze a tornare ad allenarsi. Il protagonista è stato il campione di surf del team Red Bull Leonardo Fioravanti, primo italiano a qualificarsi per il World Surf League Championship Tour, il più importante evento surfistico al mondo. L’allenamento svolto presso il club Virgin Active Collection Milano Corso Como, ha visto Leonardo affiancato dalla trainer Virgin Active cimentarsi su un circuito sul GRID, la nuova piattaforma di allenamento funzionale lanciata in esclusiva da Virgin Active.

L’intervista di Milanosportiva

«L’allenamento è stato faticoso ma mi sono molto divertito». Leonardo Fioravanti non si scompone. Lo sa, il successo è fatica. «Abbiamo svolto esercizi molto simili a quelli che faccio abitualmente quando mi preparo per le gare. Endurance, cardio, resistenza ed equilibrio. E’ per me sempre importante mantenere il ritmo soprattutto ora che ho obiettivi e gare molto importanti».  Qui il video con l’intervista completa a Leonardo Fioravanti.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

Luca Talotta
luca.talotta@gmail.com
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.