Home / Main slider / Powervolley Milano: l’anno della rinascita

Powervolley Milano: l’anno della rinascita

C’è fame di grande volley a Milano. Dopo una serie di stagioni non all’altezza e piazzamenti deludenti, le speranze di rinascita ripartono da un gruppo completamente nuovo per dieci tredicesimi, ma anche e sopratutto dalla guida sicura di un campione come Andrea Giani.  Quella presentata stamane nel teatro del Grattacielo Pirelli è una Powervolley Milano profondamente rinnovata e con grandi ambizioni nemmeno troppo celate. Un evento il cui preambolo ha portato in dote una notizia tanto lieta quanto attesa dai milanesi amanti del volley: i lavori al PalaLido procedono spediti come mai lo si era visto in passato, a confermarlo l’assessore allo Sport del comune di Milano Roberta Guainieri. Nell’attesa di tornare tra le mura dell’impianto meneghino, ai nastri di partenza dell’imminente stagione la Powervolley giocherà le partite casalinghe nuovamente al PalaYamamay di Busto Arsizio.

Pallavolo come stile di vita

L’intervento del presidente federale Bruno Cattaneo ha dato il là alla presentazione vera e propria della Powervolley Milano. Un rapido bilancio dell’attuale situazione federale, il punto sui mondiali 2018 che si terranno proprio in Italia. E un’amicizia, quella col patron Lucio Fusaro, rivendicata a gran voce e che affonda le sue radici proprio nella pallavolo. Alla base del progetto risiede la voglia di rinascita. La necessità di restituire alla piazza una squadra che tenga alto il nome di una città tanto importante. Il desiderio di ripartire con un progetto nuovo e ambizioni ben più elevate del quattordicesimo posto dello scorso anno. Alla Powervolley Milano spetterà il compito di non deludere le aspettative di una società che ha investito tanto per dare a Giani e il suo staff una rosa di livello, a cominciare proprio dal nuovo capitano, quel Matteo Piano che dopo i successi maturati negli ultimi anni con la maglia di Modena ha grande voglia di rimettersi in gioco in un nuovo scenario: “Siamo carichi come non mai. Il nostro obiettivo è preparare un impegno alla volta e farci sempre trovare concentrati. Sappiamo quello che possiamo dare e lavoreremo ogni giorno per riportare in alto la pallavolo in città”.

Powervolley Milano: un esempio per i più giovani

Parole da capitano e da uomo spogliatoio, quelle del centrale azzurro. Così come sono parole da grande personaggio di sport quelle del presidente Fusaro: “Milano è una città apprezzata in tutto il mondo, all’estero spesso mi ricordano quanto sia fortunato a vivere qui. Il mio desiderio è che tra le eccellenze di questa città torni anche la pallavolo. Tra la gente c’è grande fame di volley ed il nostro obiettivo è soddisfare quella fame”. Presente tra gli altri anche l’assessore allo sport della Regione nonché tre volte oro olimpico di canottaggio Antonio Rossi: “Quello che mi preme sottolineare è quanto sia importante trasmettere dei valori. Questi ragazzi hanno il compito di vincere ma anche e soprattutto quello di rappresentare un esempio per le tante ragazze e i tanti ragazzi che li vedono come degli eroi. Un’attitudine positiva non può che giovare a tutto il movimento”.

Una squadra nuova, un campione in panchina

Come detto sono tanti i nuovi volti in casa Powevolley. Dall’esperto libero Fanuli allo schiacciatore Cebulj. Passando per il più volte campione del Belgio Klinkenberg e il palleggiatore Daldello. Un gruppo inedito e in fase di rodaggio. Ma a cui non fa certo difetto la voglia di stupire. E ribadire, una volta per tutte, quanto Milano brami un ritorno nell’Olimpo della pallavolo italiana.

About Mauro Manca

Check Also

saugella team

Saugella Team Monza: a Conegliano zero punti e qualche rimpianto

Monzesi belle a tratti ma incapaci di tenere il passo delle venete nei momenti caldi …

tv8

Europa League, Milan-Austria Vienna: come vedere la partita in diretta in chiaro

Dopo la qualificazione aritmetica della Lazio anche Milan e Atalanta puntano a ottenere il pass …

Big Air Milan

Freeski, Big Air finisce in gloria con Svizzera e Francia sugli scudi

Le vittorie dello svizzero Elias Ambuehl e della francese Coline Ballet Baz suggellano un evento …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi