Home / Calcio / Inter-Milan, Montella: “Se giocheremo con questo spirito non perderemo più”
vincenzo montella
Vincenzo Montella (Foto di goatling from Wherever my imagination can afford to go (IMG_4200_fix) [CC BY-SA 2.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], attraverso Wikimedia Commons).

Inter-Milan, Montella: “Se giocheremo con questo spirito non perderemo più”

Il Milan esce sconfitto dal derby con l’Inter ma il secondo tempo lascia intravedere qualcosa di buono su cui costruire il futuro. A tratti i rossoneri hanno dominato nella ripresa, ma hanno pagato ogni centrimenti concesso all’implacebile Icardi.

Del corso del programma “Serie A Live” in onda su Premium Sport, l’allenatore del Milan Vincenzo Montella dichiara:

Ho visto una grande reazione nel secondo tempo, abbiamo creato 7-8 palle gol e ha giocato con l’anima da Milan, quella che piace a me. Sono molto ottimista perché vedo una squadra che sta portando avanti dei concetti giusti. Voglio vedere il bicchiere mezzo pieno e ho ancora voglia di portare avanti questo progetto tecnico. Nel primo tempo eravamo troppo contratti, nella ripresa ci siamo sbloccati mentalmente. L’Inter è stata più cinica di noi ma sono contento della prestazione. Dobbiamo avere ancora più rabbia perché con questo spirito sono convinto che non perderemo più.”

“Quando si portano in una squadra delle idee e tanti giocatori nuovi ci vuole tempo, è difficile avere la stessa idea di squadra per 90 minuti quando non vivi tante situazioni insieme. La prova di Biglia? Sicuramente è stata macchiata dall’episodio da cui è nato il secondo gol ma nel complesso ha dato ordine, ha bloccato un giocatore dell’Inter e ha permesso ai centrali difensivi di giocare la palla. Ha fatto al sua partita ordinata ed è stato sfortunato in quell’episodio. Meglio il 4-3-3 del 3-5-2? Giochiamo ogni tre giorni e non abbiamo cambi per giocare col 4-3-3 perché abbiamo solo Suso e Bonaventura sugli esterni. Poi oggi col 3-5-2 abbiamo creato tanto contro una grande Inter. Non abbiamo cambiato modulo per Bonucci.”

Ho detto che chi è sceso dal mio carro poi non poteva più risalire? Era un discorso in generale, nel calcio è così, quando le cose vanno bene ti riempiono di complimenti, quando vanno male c’è meno gente. Chi si comporta bene sul mio carro ci sarà sempre. L’obiettivo resta il quarto posto? Assolutamente sì, ora ci sembra tutto irraggiungibile ma il campionato è lungo. La squadra ha qualità, ha giocato alla pari contro l’Inter e ci sono tutte le possibilità per recuperare. Il rigore dell’Inter? Non ne voglio parlare, è stato molto scaltro e abile D’Ambrosio. Non voglio rivedere perché mi fa male, preferisco parlare dei gol.”

 

About Mauro Carturan

Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Check Also

Giuseppe Signori

Giuseppe Signori: dal “Foggia dei Miracoli” alla Nazionale, i 50 anni di un bomber rapace

Giuseppe Signori, uno degli attaccanti che ha scritto pagine importanti nella storia del calcio italiano, …

Olimpia Milano, F8 Coppa Italia, waterloo Cantù

Una Red October Cantù in missione dà una severa lezione di attributi e di basket …

Elena Curtoni in studio ad Eurosport

Elena Curtoni: “Io, atleta tutta controsenso” la nostra intervista

Elena Curtoni è lì, in uno studio televisivo. Guarda le Olimpiadi invernali di Pyeongchang da …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi