Home / Calcio / Inter, Vecino futuro Top Player? “Spalletti mi chiede più gol”
matias vecino
Matias Vecino (Foto By cfcunofficial [CC BY-SA 2.0 (https://creativecommons.org/licenses/by-sa/2.0)], via Wikimedia Commons)

Inter, Vecino futuro Top Player? “Spalletti mi chiede più gol”

L’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti lo ha detto chiaramente: Matias Vecino diventerà un top player. Detto da chi ha allenato gente come Francesco Totti…

Venerdì 3 novembre 2017, la redazione di “Premium Sport” ha realizzato un’intervista esclusiva al centrocampista dell’Inter. Ecco le parole di Vecino:

L’entusiasmo dei tifosi che anche contro il Torino riempiranno San Siro? Per me è sempre positivo, ti dà una carica e una spinta in più. Siamo felici di vedere i tifosi così carichi, vuol dire che stiamo facendo bene e che a loro piace quello che stiamo facendo in campo ma dobbiamo continuare così perché la strada è ancora lunga. Consapevoli di essere tra le più forti? Sicuramente vincere aiuta ad aumentare la consapevolezza ma dobbiamo ripeterci ogni domenica perché ci sono altre squadre forti che viaggiano insieme a noi e non possiamo pensare ad altro. L’unica cosa che conta è vincere la prossima partita perché è l’unico modo per rimanere in alto.”

“Spalletti valore aggiunto? E’ sicuramente un allenatore che sa trasmettere le sue idee e che ha una mentalità da grande squadra. Ha anche tanta esperienza, ha già allenato realtà come l’Inter, sa sempre trovare le parole giuste e trova sempre il modo di caricare la squadra. Spalletti mi chiede più gol? E’ importante per un centrocampista fare qualche gol. Forse è questo che mi manca o che posso aggiungere a quello che sto facendo. Sono contento di quello che sto facendo, soprattutto nell’ultimo mese dove mi sono sentito più libero di giocare. E’ normale quando cambi squadra avere un po’ di tempo di ambientamento dove devi conoscere al meglio i nuovi compagni. Obiettivo Champions? Sì, questo è l’obiettivo principale. Vogliamo dare il massimo, vogliamo rimanere in alto in classifica ma la Champions rimane il nostro primo obiettivo. La parola Scudetto non si può pronunciare? No, però la strada è ancora lunga e noi dobbiamo porci degli obiettivi più a breve termine perché mancano ancora tantissime partite. Stiamo ragionando nella maniera giusta e dobbiamo continuare così” .

 

About Mauro Carturan

Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Check Also

Svezia-Italia, Pippo Inzaghi: “Loro non hanno nulla da perdere”

Filippo Inzaghi sa cosa vuol dire giocare a San Siro con la maglia della nazionale. …

Ibrahimovic

Italia-Svezia a San Siro senza Ibrahimovic: “Ho fatto la mia storia in nazionale”

Si avvicina Italia-Svezia che lunedì 13 deciderà chi tra le due squadre parteciperà ai mondiali …

helenio herrera

I giardini di piazza Axum intitolati a Helenio Herrera

La città di Milano rende omaggio a uno dei suoi più grandi figli acquisiti. Giovedì …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi