Home / Altri sport / Il FootVolley a Milano: arriva l’Open Day, l’intervista con Diego Colombo
FootVolley Milano, foto di Open Beach

Il FootVolley a Milano: arriva l’Open Day, l’intervista con Diego Colombo

Il FootVolley a Milano. Sabato 11 novembre, in via Washington 33, l’Open Beach inaugurerà la prima scuola dell’intero nord Italia. MilanoSportiva.com ha contattato in esclusiva il direttore generale Diego Colombo, la mente dietro al progetto.

Dodici anni fa apriste la prima scuola di beach volley a Milano. Oggi c’è un’altra scommessa da vincere…

“In città siamo presenti con due centri: oltre a quello di via Washington, ci troviamo anche in via Lorenteggio. Il terzo è nelle Marche. Valutiamo un’espansione sul territorio lombardo, monitorando Bergamo e Monza. Ma anche Verona intriga. Tre le scuole di FootVolley già in Italia, a Roma, Rimini e Pescara. È dura abbattere le barriere mentali, preso atto che gli amanti del beach tendono a diffidarne. Conto di mettere a frutto l’esperienza accumulata nei quattro anni come direttore commerciale e marketing del Monza calcio”.

Quand’è nata l’iniziativa?

“A maggio, mentre giocavo sulle spiagge di Cervia. E la Bobo Summer Cup, favolosamente organizzata, mi ha convinto definitivamente. Tra i nostri sei istruttori figureranno ex calciatori o allenatori di squadre giovanili, ad esempio Toni Lastella, amico di Vieri. Sfidandosi, dimostreranno in cosa consiste questo sport e come si svolgerebbe un corso di allenamento. Speriamo partecipino all’Open Day il Milan e l’Inter: contattate direttamente, la prima reazione è stata di entusiasmo”.

Quanti e quali campi dedicherete al Footvolley a Milano?

Quattro: due a Washington ed altrettanti a Lorenteggio. L’obiettivo è ricavarne altri quattro, perfettamente attrezzati, sempre negli stessi centri. Siamo gli unici a proporli con sabbia di mare e riscaldata, come pure il pallone. Anche d’inverno si potrà dunque giocare indossando pantaloncini corti, una maglietta e a piedi nudi. Quasi impossibile farsi male perché non è uno sport di contatto, ma molto acrobatico. Tantissimi corsisti porteranno i loro figli di 14-15 anni. Terremo le lezioni di lunedì, martedì e nel week-end”.

Ricevete supporto dalle istituzioni?

“Sì, abbiamo una visione comune. Attendiamo l’approvazione della prima struttura europea tutta in vetro, in via Washington. Dovremmo partire a maggio. Un investimento importante, che possiamo permetterci reinvestendo i proventi, da società dilettantistica. Inoltre, costituiamo l’unica scuola in Italia che fornisce a tutti i 700 corsisti il kit completo griffato Umbro, sponsor tecnico, e Open Beach”.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Manuel Magarini

Check Also

Milano Baseball: 70 anni di storia in un docufilm 

Si chiama “Milano, 70 anni meravigliosi – La storia di un sogno” ed il dvd …

La festa del Milano Quanta, foto di Umberto Gasparinetti

Milano Quanta in festa: ma Umberto Quintavalle lascia la presidenza

Si è svolta mercoledì 11 luglio la festa di fine anno del Milano Quanta. Club che …

Hockey Milano Rossoblu, Tommaso Terzago

Hockey Milano Rossoblu: la conferma di Tommaso Terzago

Nuovo rinnovo in casa Hockey Milano Rossoblù, con l’attaccante Tommaso Terzago che continuerà a vestire …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi