Home / Interviste / Alexander Zverev: “Federer, un mito! Il futuro, la Next Gen e…” l’intervista
Alexander Zverev (source photo https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d7/2015_US_Open_Tennis_-_Qualies_-Alexander_Zverev_%28GER%29_%282%29_def._Nils_Langer_%28GER%29_%2821301941822%29.jpg)
Alexander Zverev (source photo https://upload.wikimedia.org/wikipedia/commons/d/d7/2015_US_Open_Tennis_-_Qualies_-Alexander_Zverev_%28GER%29_%282%29_def._Nils_Langer_%28GER%29_%2821301941822%29.jpg)

Alexander Zverev: “Federer, un mito! Il futuro, la Next Gen e…” l’intervista

Alexander Zverev. Futuro campione. O forse già presente, chissà. Ha da poco compiuto 20 anni (è nato il 20 aprile del 1997), è un doppio figlio d’arte (suo papà Aleksandr Michajlovič rappresentò l’URSS in Coppa Davis, mamma Irina Vladimirovna Fateeva era tennista e allenatrice anch’essa) che gioca da quando aveva cinque anni.

Alexander Zverev, una carriera velocissima

Ha vinto il suo primo torneo nel 2011 a Fujairah (circuito ITF Junior), ma il primo successo importante arriva nel 2013 quando vince il Trofeo Bonfiglio a Milano. Nel 2014 è il numero uno al mondo nella categoria juniores. Nel 2016 raggiunge la sua prima finale ATP a Nizza perdendo contro Thiem in tre set. L’impresa la firma però ad Halle, dove raggiunge la finale battendo addirittura Roger Federer. Il primo titolo arriva a San Pietroburgo, dove in finale batte l’altro svizzero, Wawrinka. Nel 2017, il 12 febbraio, conquista il suo secondo titolo in carriera a Montepellier sconfiggendo in finale Richard Gasquet, ma la consacrazione arriva con la vittoria a Roma. Prima volta in un Master 1000. A cadere è Novak Đoković col punteggio di 6-4 6-3. Nel corso dell’anno trionfa anche ai tornei di Washington e Montreal: in Canada batte in finale Federer.

Alexander Zverev, numero 2 al mondo fra gli under 18, giocherà le qualificazioni (foto di Francesco Panunzio)

Le ATP Next Gen Finals a Milano

In occasione delle sfide inaugurali delle ATP Next Gen Finals di Milano, abbiamo avuto modo di scambiare due chiacchiere con Alexander, attuale numero 3 del ranking a soli vent’anni ed in procinto di partire per il torneo di Londra. Merito di Peugeot, che ci ha concesso questa possibilità.

Cosa pensi del format di questo torneo? Credi rappresenti un’occasione per i giovani?

“Ha una formula interessante e per i giovani è sicuramente una bella vetrina, mentre per l’ATP è un’occasione per sperimentare nuove modifiche al gioco. Lo sport è anche ricerca e voglia di migliorarsi, questo torneo è un valido esempio. Ci sono in ballo delle potenziali modifiche interessanti, uno degli scopi principali è quello di velocizzare il gioco il più possibile. Senza dubbio tanto materiale su cui confrontarsi, a me personalmente piace l’idea dell’occhio di falco ad ogni singola azione, elimina discussioni inutili.”

Qual è il giocatore, passato o presente, a cui ti ispir?

“Sicuramente Roger (Federer ndr) ha sempre rappresentato uno dei miei più grandi esempi da seguire. Spesso ho anche l’occasione di allenarmi con lui, non ho mai visto un atleta in grado di coniugare così bene talento, estro e disciplina. Io però al di là delle ispirazioni cerco comunque di trovare il mio stile di gioco attraverso un lavoro costante. L’obiettivo è creare il gioco di Alexander Zverev. Mi alleno 5 ore al giorno per questo, perché voglio essere ricordato e riconosciuto per il mio tennis.”

Che sensazione offre giocare tornei in tutto il mondo da Ambassador Peugeot?

“Per me è un grande onore. Peugeot ha sempre avuto sotto la sua ala grandi campioni come ad esempio Novak Djokovic, atleti in grado di fare la differenza associando la grandezza del brand a quella del proprio talento.”

Con la collaborazione di Mauro Manca

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Damiano Tommasi e Demetrio Albertini, foto Milanosportiva.com

Gran Galà del calcio 2017: la presentazione ufficiale

Presentazione ufficiale, presso il Boga's Space di Milano, per il Gran Galà del calcio 2017. …

Big Air Milan continua: dopo lo snowboard ecco i campioni di freeski

Dopo il successo della Coppa del Mondo di Snowboard, con oltre 17mila presenze nel weekend, …

Tesla Model S: prezzi, novità e la nostra recensione completa

Abbiamo avuto il piacere di poter guidare la Tesla Model S a trazione integrale per le vie …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi