Home / Tennis / Next Gen ATP Finals: tra un dritto e un rovescio il tennis del futuro a Milano
Tennis (foto Pixabay)

Next Gen ATP Finals: tra un dritto e un rovescio il tennis del futuro a Milano

I giovani costituiscono lo sport del domani. E spesso le idee e gli esperimenti partono proprio da loro. Il torneo Next Gen ATP Finals rappresenta questo, una formula che strizza l’occhio all’innovazione, ma che non necessariamente pretende di stravolgere una disciplina nobile come il tennis. A partire da martedì, presso lo scenario di Rho FieraMilano, i migliori tennisti Under 21 della Race 2017 si sono sfidati in un torneo che nelle idee dell’ATP dovrebbe diventare un vero e proprio appuntamento fisso.

Next Gen ATP Finals, Milano centro del mondo

Set più corti da soli quattro game, nessun game ai vantaggi, l’occhio di falco che pensiona definitivamente i giudici di linea. Insomma, un vecchio break con questa formula vale un intero set, un cambiamento che sicuramente impone agli atleti di modificare l’approccio e la strategia al match. Il tentativo è quello di velocizzare il gioco, rendere il tennis uno sport più televisivo. Una proposta destinata a far discutere anche nel prossimo futuro.

Atmosfera da grandi, ma atleti futuri campioni

Un campo centrale ben concepito e con una bella atmosfera. Due campi d’allenamento adiacenti ed una vasta mixed zone per interviste, rinfreschi e attività varie. Qualche problema con l’allestimento delle tribune, alcune delle quali inizialmente inagibili, ha rallentato l’ingresso degli spettatori durante la prima giornata, generando qualche malumore. Ma nonostante ciò l’organizzazione generale risulta piacevole, si capisce come l’ATP ritenga questo torneo un evento di assoluto prestigio. E che sia più che intenzionata a riproporlo negli anni a venire. D’altronde anche il fatto che un’azienda come Peugeot sia presente vorrà pur dire qualcosa in termini di qualità dell’evento.

Pubblico caldo per i futuri Nadal e Federer

Il pubblico milanese da canto suo ha accolto la rassegna con entusiasmo accorrendo numeroso. A riprova di una fame di grande tennis che da sempre aleggia tra le terre meneghine. L’ultimo torneo ATP, disputato nel fu Palalido, risale al 2001. Tra gli otto giovani coinvolti c’era anche il nostro Gianluigi Quinzi, numero 306 al mondo ed entrato con la wild card italiana. Ecco gli atleti che in questi giorni e fino all’11 novembre si daranno battaglia in quello che è stato ribattezzato come il “Master dei Piccoli”:

  • GRUPPO A: Andrey Rublev(1), Denis Shapovalov(3), Hyeon Chung(6) e Gianluigi Quinzi(8)
  • GRUPPO B: Karen Khachanov(2), Borna Coric(4), Jared Donaldson(5) e Daniil Medvedev(7).

About Luca Talotta

Calabrese di nascita e milanese d’adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l’hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Check Also

Aspria Tennis Cup 2017, la presentazione ufficiale

Aspria Tennis Cup 2017: info utili, orari di gara, prezzi, curiosità

Tre campioni del mondo, un ex top ten e la consapevolezza di voler crescere ancora. …

Presentazione Trofeo Bonfiglio, foto Francesco Panunzio

Trofeo Bonfiglio 2017: la presentazione ufficiale

Presentazione ufficiale per il Trofeo Bonfiglio 2017, che anche quest’anno si presenta al via come …

Nick Bollettieri

Nick Bollettieri sbarca in Italia

lo storico coach di tennis Nick Bollettieri arriva in Italia per partecipare al Simposio FIT …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi