Home / Main slider / Boris Becker: il fenomeno della racchetta tra vittorie e scandali
Boris Becker
Boris Becker in campo (Foto: Wikimedia Commons)

Boris Becker: il fenomeno della racchetta tra vittorie e scandali

Boris Becker, uno dei tennisti più importanti, festeggia oggi il suo 50esimo compleanno.

Boris Becker: un recordman della racchetta

Il tennis è uno sport particolare, c’è chi lo ama e chi invece le odia. Le partite infatti possono diventare lunghissime, ma allo stesso tempo emozionanti quando il risultato resta in bilico fino alla fine. In certi casi, però, quando a scendere in campo è un vero fuoriclasse l’esito può sembrare quasi scontato.

Boris Becker rientra a pieno titolo tra gli sportivi che hanno saputo rivoluzionare il mondo della racchetta. Il campione tedesco, infatti, aveva solo 17 anni e 227 giorni quando riesce a conquistare Wimbledon. Nessuno prima di lui ci era riuscito.

Al trionfo ottenuto nel 1984 a Londra ne seguirono molti altri. Sull’erba della capitale inglese riuscì a vincere per tre volte. A questo si sono aggiunti tre Roland Garros,  due Australian Open, un Us Open, due Coppe Davis con la sua Germania e un oro alle Olimpiadi di Barcellona.

Boris Becker: vincente sul campo ma tormentato nel privato

Ai successi ottenuti in ambito sportivo ha sempre però fatto da contraltare una vita turbolenta quando era il momento di mettere la racchetta a riposo.

Dopo il doppio successo a Wimbledon (1988-1989) decide infatti di trasferirsi a Montecarlo. La decisione fa subito discutere: molti pensano infatti che sia dettata dalla volontà di sfuggire dall’accusa di evasione fiscale. Anche il Parlamento si era schierato contro di lui sottolineando il suo comportamento scorretto.

Becker aveva inoltre più volte manifestato il timore di essere rapito. Questo lo porta a stipulare una polizza assicurativa con i Lloyds di Londra per 14 miliardi di lire. Non si tratta comunque di una paura del tutto infondata. Per qualche tempo, infatti, il tedesco veniva seguito di nascosto da una persona e  questo lo lasciava poco tranquillo. L’uomo sarà poi individuato, condannato e arrestato.

Il 17 dicembre 1993 si sposa con Barbara Feltus, una ragazza di colore di un anno più grande. Dalla loro unione nascerà Noah Gabriel Becker. Il legame con la donna scatenerà non poche polemiche e lo porterà ad accusare diversi connazionali di razzismo.

Una volta appesa la racchetta al chiodo, finirà per essere condannato per evasione in carcere e arrivò a scontare un periodo in carcere. Dopo il matrimonio con Barbara, finito nel 2001, nella sua vita arriva, Lily, sua moglie dal 2009.

Oggi Boris ha quattro figli: Barbara, dopo Noah, lo ha reso papà Elias Balthasar. Dalle ultime è nato Amadeus Benedict Edley Luis. Becker è padre anche di una femmina, Anna, avuta dalla modella Angela Ermakova, nel 2000 quando il suo matrimonio con Barbara era ormai alla fine.

Boris Becker: la sua vita oggi

Attualmente vive a Wimbledon, collabora con la federazione tedesca, la Bbc ed Eurosport.

A giugno è stato colpito dall’ennesimo scandalo, quando è stata dichiarata la sua bancarotta. Lui però ha cercato subito di minimizzare: “Sono solvibile, mica fallito – ha detto -. Se cerchi pubblicità, assumi Boris Becker. Attenzione garantita“.

About Ilaria Macchi

Check Also

europa league

Europa League: chi è il Ludogorets, avversario del Milan

Archiviata la fase a gironi superata in modo piuttosto brillante ad eccezione della sconfitta finale …

giacomo bonaventura

Gattuso su Bonaventura: “Grandissima qualità, può giocare dappertutto”

Tanti guai fisici e finalmente il ritorno in piena forma. Giacomo 'Jack' Bonaventura è stato …

Olimpia Milano, LBA, ecatombe torinese

Terza sconfitta stagionale in LBA per le scarpette rosse. Gli uomini di coach Pianigiani mostrano …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi