Home / Calcio / Inter-Udinese, Spalletti: “Sconfitta? Ce la siamo un po’ andati a cercare…”
Luciano Spalletti (Foto da Football.ua [CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0), CC BY-SA 3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0) o GFDL (http://www.gnu.org/copyleft/fdl.html)], attraverso Wikimedia Commons).

Inter-Udinese, Spalletti: “Sconfitta? Ce la siamo un po’ andati a cercare…”

Dopo la sconfitta in casa contro l’Udinese, la prima in campionato, nel corso del programma “Serie A Live” in onda su Premium Sport, l’allenatore dell’Inter Luciano Spalletti ha dichiarato:

Dispiace sicuramente aver perso, come dopo ogni sconfitta. Forse duole un po’ di più perché è passato un po’ di tempo dall’ultima e non eravamo più abituati. Ma ce la siamo un po’ andati a cercare perché nel secondo tempo abbiamo sbagliato troppo, siamo stati timidi nelle scelte da prendere e poi loro sono stati bravi, hanno fatto valere la loro fisicità. Oggi non ci è girata tanto bene. Noi siamo abituati a fare altre cose, questa per noi è una novità, soprattutto per come abbiamo affrontato il  secondo tempo. E’ successo ma ora dovremo rifare le stesse cose che ci hanno portato fino a questo punto.”

Inter in calo fisico? No assolutamente no. L’aspetto fisico mi è sembrato a posto anche nella ripresa dove abbiamo sbagliato molto tecnicamente e dove abbiamo aumentato la distanza tra i reparti. La differenza l’ha fatta l gestione errata della palla nel secondo tempo. Il possibile sorpasso del Napoli? Il gruppo in testa ha fatto un girone d’andata tutto in volata, è stato uno sprint continuo. Ora chiaramente chi si siede un attimo rischia di essere superato. Noi non volevamo questo, eravamo convinti di fare un’altra prestazione che evidenziasse la nostra crescita e per certi versi ci siamo anche riusciti.

“Mi aspetto rinforzi dal mercato di gennaio? Sono stato chiaro in conferenza, poi possiamo dargli mille versioni come sempre. Ho detto che dobbiamo far parlare la società sul mercato, non c’è altra interpretazione. Ausilio non penso sappia le disponibilità di investimento della società, una volta saputa penseremo ai giocatori, se non finisce come in estate dove si sono fatti molti nomi e non è arrivato nessuno. La squadra è forte e di livello, poi per forza quando ci sono queste finestre di mercato bisogna riunirsi per fare il punto della situazione anche se siamo convinti della nostra forza che ci può portare fino in fondo”.

 

 

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Mauro Carturan

Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Check Also

Ivano Bordon, due mondiali vinti. Unico calciatore vivente a detenere il record

Un nome che rappresenta l’orgoglio dell’Italia calcistica. Ivano Bordon, per dodici anni è stato indimenticato …

Carlo Muraro, Jair bianco del calcio italiano. Al servizio della squadra, sempre

Carlo Muraro, imprendibile ala dell’Inter anni ’70. Una delle ultime del calcio italiano. Soprannominato Jair bianco dal …

Mediaset

Mediaset, arriva “il Mondiale più bello di sempre”

Dal Mundialito 1981 a Russia 2018. I Mondiali di calcio come non si sono mai …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi