Coppa Italia

Gli Asiago Vipers hanno chiuso al terzo posto la Final Six di Coppa Italia di hockey in line. I veneti si sono imposti ai rigori sul Real Torino. I tempi regolamentari si erano chiusi sull’1-1. La due giorni del Quanta Club terminerà ora con la finalissima tra i padroni di casa del Milano e Cittadella.

Primo tempo

La finale di consolazione si è aperta con un momento di apprensione. Un accompagnatore della panchina del Real Torino, appostato in balaustra, ha subito un colpo alla testa. Niente di grave, per fortuna, solo una ferita subito medicata. In pista invece durante i primi venti minuti si sono fatti preferire i piemontesi. Gli Asiago Vipers hanno provato a fare la partita ma sono riusciti a farsi segnare in superiorità numerica. Bravissimo comunque Letizia nel partire in contropiede solitario e segnare l’1-0 con cui si è andati all’intervallo.

Coppa Italia
Coppa Italia

Secondo tempo

Nella ripresa Longhini ha subito firmato il pareggio per gli Asiago Vipers. Il Real Torino, stanco a questo punto del torneo con pochi uomini a disposizione, non è comunque andato al tappeto. I piemontesi sono anzi perfino riusciti a tornare in vantaggio ma il 2-1 è stato annullato perchè segnato col pattino. Torino nel finale ha provato anche a vincerla ma neanche negli ultimi due minuti in superiorità numerica è riuscita ad evitare l’overtime.

Coppa Italia
Coppa Italia

Supplementare e rigori

Nei cinque minuti in tre contro tre la parità non è stata spezzata. Si è andati quindi ai rigori, dove l’unico ad andare in rete è stato Berthod. La medaglia di bronzo è quindi finita al collo dei giocatori degli Asiago Vipers, quarto posto per il Real Torino.

La finale di Coppa Italia

Alle 17 scatterà la finale di Coppa Italia, che chiuderà questo intenso weekend di hockey in line. A giocarsela saranno i padroni di casa del Milano Quanta, detentori del trofeo, con il Cittadella HP. I favori del pronostico sono per i campioni d’Italia in carica anche se i veneti sono stati gli ultimi ad espugnare il campo del Quanta Club.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it