Home / Interviste / Deus Movie Night, la rassegna per chi ama gli sport autentici
1979

Deus Movie Night, la rassegna per chi ama gli sport autentici

Condividere insieme ad altri appassionati la propria passione sportiva nella visione di un film raro e spesso inedito? Deus Movie Night è l’evento giusto per voi. Un mercoledì sera al mese, potete ritrovarvi al Deus Leica Theatre per la visione gratuita di un film dedicato ai protagonisti degli sport outdoor da voi amati. Ne abbiamo parlato con la Communication Manager Silvia Colombo e con Jeffrey Zani, regista dell’ultimo film proiettato e dedicato alla straordinaria figura di Giancarlo Morbidelli.”

Come siete arrivati all’idea di una rassegna cinematografica dedicata allo sport come Deus Movie Night?

S.C. “Il brand nasce dieci anni fa dalla passione del titolare per la customizzazione delle moto. Al primo spazio di Sydney sono seguiti quelli di Bali, Los Angeles, Tokyo e Milano. Il nostro è un brand focalizzato su motociclette, surf e biciclette (queste ultime, tutte made in Italy, proposte proprio dal negozio di Milano, il Deus Cycleworks in Via Thaon di Revel 3). Mondi                         apparentemente distanti ma in realtà uniti da passione e creatività artigianale che danno vita ad opere uniche curate nei minimi dettagli. Vogliamo catturare l’entusiasmo e lo spirito creativo di chi entra nel nostro “Tempio dell’Entusiasmo”, come amiamo definirlo. Un grande spazio espositivo che comprende officina, negozio e café dove incontrare ed incontrarsi, vedere,                          sperimentare. Così ha cominciato a insinuarsi in noi l’idea di convogliare queste emozioni in una  rassegna a tema, il Deus Movie Night.”

Come si è sviluppata l’idea?

S.C. ” Dopo l’edizione zero del 2016 finalmente, all’inizio di quest’anno, siamo partiti con la rassegna. Chi entra nei nostri spazi deve innanzitutto vivere un’esperienza. La stessa esperienza che vogliamo viva il pubblico durante il Deus Movie Night. Nel nostro teatro proiettiamo, un mercoledì sera al mese, film dedicati a temi e personaggi sportivi che trattano le nostre passionivere ed  autentiche. Come veri ed autentici sono i protagonisti dei film.

Come scegliete i film?

S.V. “Abbiamo la fortuna di essere supportati da Rodaggio Film e dal nostro sponsor Mocauto che ci aiutano nella selezione dei film, non ancora o mai distribuiti in Italia, più adatti alla nostra programmazione. Sono film spesso non veicolati dai tradizionali canali della distribuzione ma ricchi di contenuti in linea con i nostri valori. ”

Giancarlo Morbidelli, costruttore di motociclette da corsa negli anni ‘ 70, è stato il protagonista del film di febbraio. In che modo Morbidelli sposa l’autenticità?

S.C. “Nonostante non lo abbia mai incontrato, la visione del film a lui dedicato mi ha permesso di comprendere quanto Morbidelli sia stato un personaggio fuori dal comune. Ho scoperto una figura  d’altri tempi. Peccato non averlo potuto incontrare in occasione della proiezione del film ma purtroppo la malattia che lo ha colpito gli ha impedito di essere presente. Credo però che Jeffrey  Zani, che lo ha conosciuto, possa meglio descriverlo.”

J.Z. “Morbidelli è stato un “artigiano” del mondo delle corse motociclistiche. Quella delle moto    da corsa era la passione a cui dava spazio oltre la sua fabbrica da 300 dipendenti che esportava macchinari per la lavorazione del legno in tuttto il mondo. Molto preciso in fabbrica quanto dotato di un’immensa voglia di sperimentare a cui dava sfogo nel momento in cui creava le sue moto nel retrobottega della fabbrica . Voglia che lo portato a introdurre innovazioni tecniche che destarono l’interesse dei produttori giapponesi i quali rimasero stupefatti quando scoprirono che la produzione della Morbidelli Corse si limitava a pochi prototipi da corsa all’anno! Una produzione che rispecchiava perfettamente la sua intraprendenza ed, al contempo, la sua estrema umiltà e la sua incredibile semplicità. In una sola parola, la sua autenticità. Quella stessa autenticità che caratterizzava  il suo team nel quale collaboratori e piloti si parlavano in dialetto condividendo tutto. Tutto questo è alla base dei risultati straordinari conseguiti.

Nell’albo d’oro della Morbidelli Corse figurano 7 Campionati Italiani di Velocità (dei quali cinque conquistati nella classe 125, quella che gli ha dato le maggiori soddisfazioni) vinti tra il 1971 ed il 1978. A questi vanno aggiunti 3 Titoli Costruttori nel Moto Mondiale classe 125 (1975-1977) e 4 Titoli Piloti nel Moto Mondiale classe 125 (1975-1977) e classe 250 (nel 1977). Come dimenticare poi il Mondiale classe 250 sfiorato nel 1979 con Graziano Rossi, papà di Valentino, in sella ad una delle sue moto?

Per Morbidelli il reparto corse era una famiglia

S.C. “Assolutamente sì. Le testimonianze rilasciate all’interno del film dai suoi piloti di quegli anni lo dimostrano. Incredibile come, a distanza di tempo, i loro occhi si illuminassero al solo parlarne! Trasmettevano emozione e soprattutto la condivisione di un’esperienza.

1975, Morbidelli con Paolo Pileri campione del mondo 125

Condividere per Morbidelli era fondamentale. Anche al di fuori del suo team.

S.C. “Vero. Quelli che oggi si definirebbero avversari lui li considerava “cugini”. Quando, per esempio, necessitava la consulenza o aiuto di un meccanico di un altro team si concretizzava una comunione di intenti e di solidarietà, al di là di ogni interesse personalistico, che nel mondo sportivo di oggi, non solo motociclistico, si fa sempre più fatica a trovare. Per noi è un esempio. Nei nostri eventi vogliamo ricreare lo stesso spirito.

Chi partecipa solitamente ai vostri eventi?

S.C.   “Il pubblico è sempre più eterogeneo. All’inizio erano solo appassionati di sport outdoor poi si sono aggiunte persone incuriosite dal progetto o che ad esso si sono appassionate, amanti del cinema, clienti del locale. Il mercoledì del Deus Movie Night è per i residenti della zona l’occasione, diventata abitudine, di dedicare una serata al mese alla visione di un film dai contenuti non comuni.

Cosa vi gratifica maggiormente?

S.C. “Al di là della partecipazione sempre più numerosa, ci piace vedere che le serate si prolungano ben    oltre la visione del film con vivaci confronti tra gli spettatori anche molto diversi tra loro per età, professioni, motivazioni ma tutti accomunati da una voglia di condivisione di valori sportivi, tecnici e soprattutto umani. Ciò ci gratifica molto perché è nostra volontà veicolare contenuti poco pubblicizzati ma assolutamente da scoprire nella loro autenticità. Vogliamo dare ai partecipanti la sensazione di vivere un momento unico e di sentirsi quasi dei privilegiati a godere della visione di contenuti così straordinari. Tanto il ragazzo di vent’anni quanto l’uomo di settant’anni, che magari ha anche vissuto parte di quelle esperienze, devono esserne coinvolti. Per i più giovani i film devono essere il momento per apprezzare valori autentici  attraverso il racconto di vite autentiche; per i meno giovani l’occasione per ricordare cose e momenti da raccontare. Senza mai smettere di farlo.

Progetti futuri?

S.C. “L’entusiasmo dei nostri partecipanti è anche il nostro. Stiamo perciò pensando di aggiungere altre  date alla rassegna che nell’idea originaria si sarebbe dovuta concludere ad aprile. Stiamo poi allestendo un calendario di eventi che si terranno nei weekend della stagione estiva. Il progetto Deus Movie Night è solo l’inizio! Nel frattempo vi diamo appuntamento il 7 Marzo con il film Take it to the limit. Un inno allo sport, alla velocità, all’estetica del motociclismo. Sequenze  mozzafiato con gare di motocross e di sidecar, di speedway e di hill climb, di flat track e di trial, su pista e nel deserto, con riprese realizzate in Europa e negli Stati Uniti. il film è un vero e proprio cult movie, con una colonna sonora da brivido.  Un film che dopo 40 anni fa ancora emozionare.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Francesco A. Bellini

Check Also

Eventi sportivi in pole position al Museum Cafè, in mezzo ai quadri della vecchia Milano

Il Museum Cafè è stato ideato per soddisfare le esigenze dei visitatori del Museo dei Navigli. …

Olimpia Milano, il fotoracconto di G1 SF Playoff

Per tutti coloro che non hanno potuto assistere live a Gara 1 di semifinale playoff …

Kiara Fontanesi

MXGP della Lombardia, Kiara Fontanesi sogna

E' stata presentata oggi a Milano, presso la sede di Slash, il Fiat Professional MXGP …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi