Milano 2018

E’ tutto pronto per Milano 2018. Dal 21 al 25 marzo al Mediolanum Forum di Assago andranno in scena i campionati mondiali di pattinaggio di figura. A 67 anni dalla prima volta, il capoluogo lombardo tornerà ad ospitare l’evento iridato. La presentazione è andata in scena a Palazzo Marino, alla presenza delle autorità ma anche di molti azzurri. Tra questi, Valentina Marchei e Ondrej Hotarek.

Milano 2018
Milano 2018

L’intervista a Valentina Marchei e Ondrej Hotarek

I due pattinatori, reduci dal brillante sesto posto alle Olimpiadi, puntano a migliorarsi a Milano 2018. Lo hanno confermato ai microfoni di Milano Sportiva. “Fino a ieri ci siamo sono allenati. E’ stata dura lavorare senza riprendere fiato dopo Pyeongchang. Ora però iniziamo a sentire l’atmosfera giusta. Ci serviva un po’ di adrenalina. In tanti si sono appassionati a questo sport vedendoci in Corea. Noi cerchiamo di avere grande interazione con tutti, soprattutto attraverso i social. Facciamo vedere cosa succede dietro le quinte, come ci prepariamo. Sul ghiaccio siamo quello che siamo anche fuori, normalmente”.

Milano 2018
Milano 2018

L’attesa per Milano 2018

Valentina Marchei e Ondrej Hotarek sanno che sarà un mondiale speciale, non solo per loro. “Tutti i nostri colleghi stranieri non vedono l’ora di venire in Italia. Turismo, pizza, pasta, la moda, le feste: ci chiedono tutto. Giochiamo veramente in casa e abbiamo tanti parenti e amici che finalmente potranno vederci dal vivo. Alcuni arriveranno apposta da Mosca. Abbiamo una fan base molto ampia”.

Milano 2018
Milano 2018

Da Pyeongchang a Milano

Un’Olimpiade così non ce l’aspettavamo. Torniamo sul ghiaccio con una consapevolezza diversa. Siamo reduci non da una ma da tre gare della vita. Quattro anni fa non lo avremmo mai pensato. E’ un momento speciale che condividiamo con tutto il nostro team. Non parliamo di obiettivi. Diciamo solo che vogliamo fare ancora meglio delle Olimpiadi. Abbiamo sempre più fame e voglia di arrivare, alzando l’asticella. Il legame con il pubblico sarà importante, parliamo di uno sport che è anche spettacolo”.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it