Home / Ciclismo / Miguel Indurain: “Giro d’Italia, quanti ricordi”
Miguel Indurain
Miguel Indurain

Miguel Indurain: “Giro d’Italia, quanti ricordi”

Giornata speciale, a Milano, per Miguel Indurain. Lo spagnolo, nello splendido scenario del Teatro Gerolamo, è stato indotto nella Hall of Fame del Giro d’Italia. Vincitore della corsa rosa nel 1992 e nel 1993, “Miguelon” è stata omaggiato in una serata interamente dedicata a lui. Presenti anche due grandi rivali del passato, come Chiappucci e Fondriest.

Miguel Indurain
Miguel Indurain

L’intervista a Miguel Indurain

Miguel Indurain ai nostri microfoni si è detto onorato. “E’ un’emozione molto forte. Prima di me sono stati premiati dei grandissimi come Merckx e Hinault. E’ bello che a 25 anni dal mio ultimo trionfo al Giro d’Italia i miei sforzi vengano ancora riconosciuti. Su queste strade ho vinto tanto contro grandi rivali. Ricordo ancora quando conobbi Marco Pantani. Si parlava già tanto di lui come di uno scalatore fortissimo. In gruppo era molto discreto e mi dispiace molto per come è andata a finire, dalla squalifica in poi”.

Miguel Indurain
Miguel Indurain

Gli eredi nel ciclismo moderno

Indurain ha anche parlato dei suoi eredi: in tanti lo hanno paragonato a Dumoulin. “Mi piace molto, è un corridore giovane e completo. Va forte a cronometro e si difende in montagna. Non so se vincerà anche quest’anno. Se ci saranno anche Nibali e Froome sicuramente sarà un grande spettacolo. Più forte io o Contador? Mah, sarebbe dipeso dal percorso, lui è stato un grande scalatore, si è adattato bene al ciclismo moderno. Ora non ci sono più cronometro di 100 chilometri come ai miei tempi…”.

Miguel Indurain
Miguel Indurain

Tra Nibali e Aru

Indurain ha infine parlato proprio di come è cambiato il ciclismo. “Mi piacciono i percorsi di questi anni dei grandi giri. Ci sono sempre grandi salite. E’ tutto più duro ma si tratta solo di adattarsi. Tutto cambia”. Chiosa con una domanda classica: Nibali o Aru? “In Italia vi piace sempre creare queste rivalità (ride, ndr). Moser-Saronni, Chiappucci-Bugno… Sono due grandi corridori, uno è più esperto e l’altro più giovane. Sono simili come stile. Buon per il ciclismo, in generale”.

About Andrea Gussoni

Check Also

Davide Rigon

Davide Rigon: “Blancpain GT Series Endurance Cup, pronto per Monza”

La stagione di Davide Rigon è pronta ad entrare nel vivo. Lo shakedown sulla pista …

Honda CB1000R

Honda CB1000R, anteprima alla Milano Design Week 2018

La nuova Honda CB1000R debutta in città al Fuorisalone 2018 di Milano. L'anteprima esclusiva è …

Never Stop Milano, la cultura dell’outdoor a Milano

Siete sportivi ed amanti degli sport outdoor? Volete allenarvi a Milano ma non sapete dove …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi