Pallanuoto Banco Bpm Sport Management

Niente da fare per la Pallanuoto Banco Bpm Sport Management. I Mastini sono stati sconfitti anche nella gara di ritorno della finale di Len Euro Cup. Davanti ai 1500 tifosi delle Piscine Manara di Busto Arsizio, il Ferencvaros Budapest (già vittorioso 9-8 nel match d’andata) si è imposto 8-5. Gli ungheresi si sono portati così a casa il trofeo continentale.

Pallanuoto Banco Bpm Sport Management
Pallanuoto Banco Bpm Sport Management

La cronaca del match

Inizio difficilissimo per la formazione bustocca perché in vasca nel primo tempo è Ferencvaros a farla da padrona. Con Sziranyi gli ospiti si portano subito in vantaggio, poi gli ungheresi allungano fino al 4-0 ospite. Petkovic sblocca dai 5 metri i padroni di casa, poi è capitan Gallo a firmare, con l’uomo in più, la rete mancina che in avvio di secondo tempo vale il 2-4. Mirarchi infila il gol della speranza (3-4), Lazovic tra i pali è una saracinesca, poi ci vuole Baraldi, con l’uomo in più e su assist di Figlioli, per trovare il pari (4-4). Jansik a 30 secondi dalla fine del terzo parziale ridà il +1 ai suoi imitato in avvio di ultima frazione da Nikic per il 4-6. È ancora Petkovic, in superiorità, a ridare speranze ai padroni di casa infilando alla sinistra di Vogel il secondo gol della sua serata, ma la risposta ospite è ancora opera di Jansik per il 5-7 ungherese. Il gol del 5-8 della compagine ungherese spegne le speranze dei Mastini.

Pallanuoto Banco Bpm Sport Management
Pallanuoto Banco Bpm Sport Management

Il presidente della Pallanuoto Banco Bpm Sport Management

A fine partita ha parlato Sergio Tosi, presidente Pallanuoto Banco Bpm Sport Management. “Sono stati giorni difficile e poi è arrivata la mazzata perché oggi abbiamo saputo che saremmo stati senza Drasovic e anche Valentino Gallo stava male. Però è limitativo dire che è per questo che abbiamo perso perché sarebbe ingiusto per chi ha giocato. Abbiamo fatto una partita fotocopia di quella di Budapest dove siamo andati sotto e poi abbiamo recuperato e la gara forse si è decisa quando, dopo aver recuperato e aver pareggiato 4-4, abbiamo subito il 4-5 perché quello psicologicamente ci ha mandato k.o. Purtroppo abbiamo fatto una partita al di sotto della nostre possibilità. Siamo andati bene in difesa soprattutto con Lazovic, ma davanti ci è mancato qualcosa”.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it