Federica Brignone

Rossignol ha presentato a Milano le sue collezioni Performance. Special guest dell’evento Federica Brignone, testimonial della linea apparel. La sciatrice azzurra è legata a Rossignol da sempre e ha scelto questo marchio per casco, maschera, sci, scarponi e bacchette.

L’intervista a Federica Brignone

Al termine di un anno culminato con la conquista del bronzo olimpico, Federica Brignone nelle ultime settimane si è goduta un po’ di meritato relax: “Finite le gare sono stata molto impegnata con eventi, test, casa e caserma. Dal 20 aprile però ho staccato la spina e mi sono goduta una vacanza col mio ragazzo. Siamo andati in macchina fino in Portogallo per surfare. Ho un grande rapporto con l’acqua, visto anche che mio papà è ligure. L’inverno è neve ma l’estate è anche mare”.

Un nuovo inizio

Federica Brignone è già però nel 2018/2019. “Sono già tornata ad allenarmi. Con calma, visti i problemi fisici dello scorso anno. Ho fatto due settimane di fisioterapia, di riatletizzazione. Ho cominciato a muovermi nel modo giusto. Ora mi concentrerò sulla parte altetica tra Milano e Valle d’Aosta”.

Il rapporto con Rossignol

“Io sono nata con Rossignol, così come mia mamma. A due anni i miei primi sci sono stati dei Rossignol. Per me è come una famiglia e sono parte di essa. Riusciamo a sviluppare insieme i materiali, è un servizio per cercare di limare i minimi dettagli. Quello che ho sotto i piedi fa la differenza e in partenza non ho mai dubbi“.

La prossima stagione

“Lo scorso anno ho dovuto saltare un po’ di gare, sono state scelte forzate perchè non ero al 100%. Ai Mondiali 2019 punto a tornare a casa con almeno una medaglia. E’ fattibile in tre discipline. Visto che ho già un bronzo e un argento mi manca solo l’oro… La Coppa del Mondo comunque rimane il sogno più grande. Cerco la polivalenza, bisogna programmare bene tutto ma la sfera di cristallo viene da sè, non puoi pensarci fin da subito altrimenti vai fuori di testa”.

Andrea Gussoni
andreagussoni@hotmail.it