Home / Main slider / Paolo Maldini compleanno: 50 anni con il rossonero come seconda pelle
Paolo Maldini compleanno
Un'immagine di Paolo Maldini agli esordi (Foto: Wikipedia)

Paolo Maldini compleanno: 50 anni con il rossonero come seconda pelle

Paolo Maldini, un vero monumento nella storia del calcio italiano, festeggia oggi il suo 50esimo compleanno. La sua carriera, vissuta sempre con i colori del Milan, è da vera leggenda.

Paolo Maldini compleanno: una delle ultime bandiere

E’ sempre più difficile riuscire a trovare nel panorama attuale calciatori disposti a legarsi per tutta la carriera a una sola maglia. Paolo Maldini ha invece dimostrato non solo come questo sia possibile, ma anche come si possa riuscire a vincere e rivincere tutto con i propri colori del cuore.

Il caldo era scritto nel DNA dell’ex difensore: è infatti figlio di Cesare, altro grande difensore rossonero tra gli anni ’50 e ’60 con cui ha conquistato quattro scudetti, una Coppa dei Campioni e una Coppa Latina. Maldini sr. è riuscito anche ad allenare il figlio: per diverso tempo è stato ct della Nazionale, oltre ad avere guidato il Milan per un breve periodo.

Il debutto in Prima Squadra arriva il 20 gennaio 1985, quando lui aveva poco più di 16 anni. A puntare su di lui, in una trasferta contro l’Udinese è Nils Liedholm, per niente preoccupato dalla sua giovane età, ma già conquistato dalle sue doti tecniche.

Paolo Maldini compleanno: un palmares da leggenda

A confermare la grandezza di Maldini ci sono i numerosi successi. Con la maglia rossonera ha infatti conquistato sette scudetti, una Coppa Italia, cinque Supercoppe Italiane, cinque Champions League, cinque Supercoppe Uefa, tre Mondiali per Club (due intercontinentali). E’ entrato nella Hall of Fame del calcio italiano nel 2012. subito dopo il ritiro ha ricevuto il premio Uefa alla carriera in occasione dei sorteggi della fase a gironi dell’edizione 2009/2010.

Non sono mancate nel corso degli anni, soprattutto nei pochi periodi bui vissuti dal Milan, le possibilità di lasciare il club del suo cuore. Lui però ha sempre rifiutato con fermezza: non sarebbe stato bello abbandonare tutto nei momenti di difficoltà. Solo un vero campione può ragionare così.

Il club che attualmente ha sede in via Aldo Rossi a Milano non ha avuto dubbi nella decisione di ritirare il suo numero 3 subito dopo l’addio al calcio del difensore. Ma con una promessa: sarebbe stato destinato a uno dei suoi figli in caso di approdo in Prima squadra. Al momento questo non è ancora accaduto, ma nella Primavera c’è attualmente Daniel, che a ottobre compirà 17 anni, ma che sembra già avere le stesse doti tecniche di famiglia. Ma con un’unica differenza rispetto al papà e al nonno: gioca in attacco.

Paolo Maldini compleanno: il futuro sarà ancora a tinte rossonere?

Dal momento del suo addio al calcio, datato 31 maggio 2009 (lo stesso giorno in cui ha salutato il Milan Carlo Ancelotti), Paolo non ha più avuto un ruolo attivo nel mondo del calcio italiano. Lui continua ovviamente a essere legatissimo al suo Milan, che segue quasi sempre a San Siro.

E’ lui stesso a rivelare come sia stato vicino a un ritorno in veste di dirigente giusto qualche anno fa: “Ho la fortuna di non aver bisogno di lavorare e quindi di poter selezionare. A Barbara Berlusconi, però, avevo detto sì: non è saltata per mia volontà. Ho detto di no alla proprietà attuale” – ha raccontato alla vigilia del suo compleanno a La Gazzetta dello Sport.

Proprio ora che il club di via Aldo Rossi sta vivendo un momento difficile (rischia l’esclusione dalle Coppe europee per volontà dell’UEFA), in tanti sognano un ritorno di un vero cuore rossonero in società. Lui però ora non si sbilancia, ma sarebbe certamente felice di poter aiutare il suo Milan a tornare ai fasti di un tempo.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

About Ilaria Macchi

Check Also

Stoner

Stoner, casco speciale per i 16 anni con Nolan

Nel 2002 Casey Stoner esordiva nel Motomondiale e, nello stesso anno, iniziava con Nolan un’emozionante …

Eravamo quasi in cielo, Gianfelice Facchetti ricorda la favola dimenticata del La Spezia Calcio

Una storia dimenticata, il campionato di calcio 1943-44. Vinto dal La Spezia Calcio, squadra dell’omonima città. …

Ivano Bordon, due mondiali vinti. Unico calciatore vivente a detenere il record

Un nome che rappresenta l’orgoglio dell’Italia calcistica. Ivano Bordon, per dodici anni è stato indimenticato …

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi