È stata una Coppa Lambertenghi all’insegna delle rimonte, quella terminata oggi sui campi del Tennis Club Milano Alberto Bonacossa. Il Campionato italiano under 12 ha premiato il ligure Guglielmo Verdese e la toscana Noemi Basiletti, ma entrambi, prima di trionfare, hanno seriamente rischiato di perdere, pur in momenti diversi del torneo. Nella prova maschile è stato proprio l’ultimo atto, il confronto più duro. Con il genovese Verdese che si è trovato in svantaggio di un set di fronte a Daniele Rapagnetta, rappresentante del Lazio e testa di serie numero 2. Perso il parziale per 7-5, Verdese è riuscito a ribaltare la partita conquistando il tie-break del secondo, e dominando poi il terzo col punteggio di 6-1. Un match che ha tenuto incollati gli spettatori sulle tribune del Centrale milanese fino all’ultimo punto, grazie alla qualità espressa dai due protagonisti di giornata. In semifinale si erano fermati l’abruzzese Alessandro Sciacca e il sardo Lorenzo Carboni.

Tra le ragazze, titolo tricolore a Noemi Basiletti, toscana, che in finale ha avuto la meglio sulla laziale Matilde Ercoli. Come il suo corregionale Rapagnetta, anche Matilde non è riuscita a completare il percorso con un successo pieno, ma la sua settimana resta comunque molto positiva, considerato che in finale partiva sfavorita nei confronti dell’avversaria. L’incontro più complicato per la vincitrice era arrivato però a livello di semifinale, quando era stata la pugliese Vittoria Paganetti ad andare a un passo dall’ultimo atto. Dopo aver ceduto nettamente il primo set per 6-2, la Basiletti ha rimontato chiudendo i restanti parziali per 7-5 6-3, arrivando dunque a giocarsi il titolo. Che puntualmente è finito nella sua bacheca dopo il match decisivo di sabato mattina, caratterizzato comunque da una prima frazione equilibrata e terminata solo al dodicesimo game. Nei doppi, titoli alla coppia laziale formata da Gatto e Rapagnetta nel torneo maschile (7-6 6-3 a Cocola/Angelini) e al duo tosco-pugliese Basiletti/Paganetti tra le ragazze (6-2 7-6 a Ercoli e Micheletti).

Era l’edizione numero 76 della competizione tricolore, l’unica in calendario ad avere una sede fissa, i campi in terra battuta di Via Arimondi. Un torneo che è nato nel 1939 e che da allora è un pezzo di storia del tennis nazionale. Nell’albo d’oro sono presenti i nomi di personaggi come Paolo Bertolucci, Corrado Barazzutti, Potito Starace o, tra le donne, di Roberta Vinci. Ma sono molti di più i grandi talenti passati da questi campi, che non sono riusciti a conquistare lo scudetto ma che da qui hanno cominciato la loro carriera. L’augurio per chiunque sia transitato, anche quest’anno, dalla Coppa Lambertenghi, è che la competizione milanese diventi un trampolino di lancio e uno stimolo a mantenere vivo l’entusiasmo per il tennis, a prescindere dai risultati.

TUTTI I RISULTATI

Singolare maschile. Quarti di finale: Sciacca b. Filoramo 6-3 6-2, Verdese b. Masten 6-0 6-0, Carboni b. Gatto 6-3 6-2, Rapagnetta b. Rossi Principe 6-2 6-1. Semifinali: Verdese b. Sciacca 6-2 6-1, Rapagnetta b. Carboni 3-6 6-2 6-0. Finale singolare maschile: Verdese b. Rapagnetta 5-7 7-6 6-1.

Singolare femminile. Quarti di finale: Pacetti b. Cicu 6-2 6-1, Ercoli b. Oroni 6-2 6-0, Paganetti b. Cambria 6-1 6-4, Basiletti b. Aloja 6-3 6-0. Semifinali: Ercoli b. Pacetti 6-4 6-4, Basiletti b. Paganetti 2-6 7-5 6-3. Finale singolare femminile: Basiletti b. Ercoli 7-5 6-1.

Doppio maschile, finale: Gatto/Rapagnetta b. Cocola/Angelini 7-6 6-3.

Doppio femminile, finale: Basiletti/Paganetti b. Ercoli/Micheletti 6-2 7-6.

Redazione Tennis
milanosportiva@gmail.com