Ti piace questo articolo? Condividilo!

Quasi 100 atleti iscritti alla 7a edizione del Meeting Interregionale Città di Tradate, manifestazione valida anche per il Trofeo ‘Futuri Campioni’, che si svolgerà domenica 26 gennaio con l’organizzazione della Polha Varese (start list provvisoria).

All’evento, che si terrà a Tradate (Va) nella piscina Mio Club di via dei Pradacci, prenderanno parte ben 98 atleti (36 donne e 62 uomini) tesserati di 19 società provenienti da 4 regioni italiane (Lombardia, Emilia-Romagna, Lazio, Veneto).

Federico Morlacchi (Foto: ufficio stampa CIP)

L’alto profilo del meeting è attestato dalla partecipazione di numerose stelle del nuoto paralimpico, tra cui Arianna Talamona, Federico Morlacchi (nella foto), Fabrizio Sottile – portacolori della Polha Varese –, Arjola Trimi (Brianza Silvia Tremolada), Niccolò Bensi (Aniene), Giulia Ghiretti (Ego Nuoto Parma), Stefania Chiarioni (Aniene).

Nel corso della riunione si svolgerà anche una batteria dimostrativa del Casp (Centro avviamento allo sport paralimpico) della Polha Varese.

Di grande interesse anche l’età media degli iscritti: circa il 30% dei partecipanti appartiene infatti alle categorie esordienti o ragazzi. Si tratta di un dato di grande importanza che testimonia come tanti giovani con disabilità scelgano di praticare il nuoto paralimpico, anche grazie al costante lavoro delle società, dei delegati regionali Finp e dello staff tecnico nazionale.

Programma gare provvisorio

STAFFETTE 4X50 MS (PUNTI 20)

200 MISTI
100 DORSO
50 RANA
50 STILE LIBERO
100 FARFALLA
400 STILE LIBERO
200 STILE LIBERO

STAFFETTE 4X50 SL (PUNTI 20)

• Batteria dimostrativa C.A.S.P. Pol.Ha Varese

STAFFETTE 4X100 MISTI (PUNTI 34)

150 MISTI
50 DORSO
50 FARFALLA
100 STILE LIBERO
100 RANA

STAFFETTE 4X100 STILE LIBERO (PUNTI 34)

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi