L’esordio agonistico di Rui Costa nella LAMPRE-MERIDA
Ti piace questo articolo? Condividilo!

E’ giunto il momento di vedere in azione la maglia iridata griffata con i marchi Lampre e Merida e prodotta da Champion System.

Rui Costa è infatti pronto all’esordio stagionale: l’appuntamento per tutti i fans del campione del mondo è fissato per mercoledì 5 febbraio, nell’inedito scenario degli Emirati Arabi Uniti, in occasione della tappa inaugurale della prima edizione del Dubai Tour.

Lampre - Merida 2014

Dal 5 all’8 febbraio, Rui Costa (foto Bettini) sarà impegnato in questa nuova frontiera del ciclismo mondiale assieme a compagni di squadra di gran qualità, a partire da Filippo Pozzato, per proseguire con Niccolò Bonifazio, Davide Cimolai, Luca Dodi, Roberto Ferrari, Nelson Oliveira e Andrea Palini.

La squadra sarà diretta dal tecnico Matxin, il quale si avvarrà della collaborazione dei massaggiatori Capelli e Del Gallo, dei meccanici Possoni e Romanò, del dottor Guardascione e del responsabile della comunicazione Appiani.

In veste di campione del mondo, mi fa piacere iniziare la stagione in una corsa che allarga i confini internazionali del nostro sport – ha spiegato Rui Costa – Ho vissuto l’inverno con molta concentrazione, allenandomi e lavorando per affrontare al meglio la stagione: a Dubai riproverò la sensazione di pedalare in mezzo al gruppo, sarà bello farlo con la nuova bici Merida e difendendo il nome della mia nuova squadra“.

Dal punto di vista agonistico, da seguire le prestazioni di Pozzato, Ferrari e Cimolai, entrambi con già qualche giorno di gara nelle gambe. Interessanti poi gli esordi assoluti nella LAMPRE-MERIDA di Bonifazio e Oliveira e i debutti stagionali di Dodi e Palini.

La prima tappa sarà trasmessa su Rai Sport 2 alle 13,55.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi