Primo giorno a Dubai per Rui Costa e compagni
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Unica giornata di acclimatazione negli Emirati Arabi Uniti per la LAMPRE-MERIDA e le altre squadre che da mercoledì 5 febbraio daranno vita al Dubai Tour.

La formazione blu-fucsia-verde è alloggiata all’hotel Rose Rayhaan, una torre di ben 65 piani che funge da base per metà delle formazioni invitate a prendere parte alla prima edizione della corsa.

Proprio dall’hotel è iniziata presto la mattinata del campione del mondo Rui Costa, uno degli atleti più attesi negli emirati, felici di poter ospitare l’esordio stagionale del re di Firenze 2013.

Rui Costa e i compagni con l'incredibile edificio sullo sfondo. (Foto Bettini/Ufficio stampa)
Rui Costa e i compagni con l’incredibile edificio sullo sfondo. (Foto Bettini/Ufficio stampa)

L’iridato ha partecipato alle attività di pubbliche relazioni previste dagli organizzatori, posando assieme agli atleti più in vista della corsa per alcuni scatti fotografici nei pressi del Burj al-Arab, carattertistico edificio costruito a forma di vela.

Terminate le foto, Rui Costa e gli altri corridori si sono concessi ai taccuini e alle telecamere del nutrito gruppo di giornalisti accreditati.

Le prime ore del pomeriggio, non troppo calde e con un vento moderato, sono state dedicate all’allenamento: un’uscita di 65 km, pedalando su un anello di 8 km dedicato alle biciclette, ha portato Pozzato, Rui Costa e i compagni a riattivare le gambe dopo il viaggio aereo di lunedì.

La giornata si è chiusa con una suggestiva presentazione all’ombra del Burj Khalifa, 829,8 metri di grattacielo che ne fanno la costruzione più alta del mondo.

Oggi ho vissuto un’esperienza nuova: non ero mai stato a Dubai, per la prima volta ho potuto vedere da vicino le potenzialità di questo Paese – ha spiegato Rui Costa – La tradizione ciclistica non è ancora molto radicata ma, sono convinto, con la giusta volontà nessun traguardo è qui impossibile da raggiungere: ci sarà quindi in futuro spazio per una tradizione ciclistica, magari a partire proprio da questa prima edizione della corsa. Sono pronto al debutto stagionale, non sento la pressione della maglia iridata, anzi provo grande gioia. Il percorso del Dubai Tour favorisce altri corridori per la vittoria finale, ma vorrei onorare al meglio la corsa, anche magari mettendomi a disposizione dei miei compagni, qualora ce ne fosse bisogno“.

La prima tappa propone una cronometro di 9,9 km nella Downtown di Dubai: Rui Costa avrà il numero 1 sulla schiena.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi