Il Milan cade a Napoli, Seedorf: “Ho visto anche tante cose positive”
Ti piace questo articolo? Condividilo!

L’allenatore del Milan Clarence Seedorf ha parlato ai microfoni di Sky Sport HD, nel post partita di Napoli-Milan, gara vinta dalla squadra di Benitez per 3-1.

Foto da Youtube
Foto da Youtube

Sull’immagine di Mario Balotelli che piange in panchina.

Ci sono dei momenti in cui uno esprime le sue emozioni in quella maniera lì. Non vedo niente di strano, non è la prima volta che vedo un giocatore che piange. È stato un suo momento particolare che ho vissuto anche io tante volte, niente di speciale.

Balotelli ha bisogno di giocare bene.

Anche lui deve crescere in generale. Contro il Cagliari, a livello di gioco, ha fatto un’ottima gara. Oggi forse ha sfruttato poco la profondità. Sono contento che lui abbia aree in cui può migliorare.

Quanti e quali passi indietro hai visto stasera?

Ho visto anche tante cose positive. Abbiamo preparato la partita in un modo, poi abbiamo avuto Kakà con la febbre, Honda con la febbre. Abbiamo delle partite importanti, come la Champions che sta arrivando, era meglio preservare Kakà, pensando anche al futuro. Credo che il mio lavoro, oltre che cercare di fare più punti possibile, sia anche quello di costruire i giocatori, che devo dire ho trovato non in grandissima forma fisica. Stiamo lavorando tanto anche sotto questo aspetto, ma per vedere i risultati di un lavoro fisico ci vuole un po’ di tempo.

Taarabt sembra assolutamente pronto per il Milan.

Ha fatto un’ottima gara, si è presentato bene, si è impegnato molto, ha dato molta qualità alle giocate e ha fatto un grande gol.

Mexes capitano.

Abbiamo tanti centrali, lui è stato fuori per un po’, ho pensato che potesse essere un’ulteriore motivazione, per sentirsi parte di questo gruppo, perché fino adesso ha avuto poco spazio.

Montolivo in panchina.

Lui era molto tranquillo. Non si può pensare in questo momento solo alla prossima partita, dobbiamo fare una pianificazione, abbiamo in Champions una partita molto importante senza Montolivo e senza Muntari, quindi non posso arrivare a quella partita senza aver mai giocato con Essien e De Jong insieme. È chiaro che è un sacrificio che ha fatto oggi, però non potevo fare altrimenti. Essien ha giocato poco, abbiamo bisogno che prenda un po’ il ritmo partita.

 

Ufficio stampa Sky Sport

 

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi