LAMPRE-MERIDA, dodici corridori in Spagna, esordio per Horner
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Sarà particolarmente nutrita la presenza blu-fucsia-verde nella quattro giorni di gare denominata Challenge Mallorca, in programma sull’omonima isola della Baleari dal 9 al 12 febbraio.

La Lampre-Merida 2014 (Foto: ufficio stampa)
La Lampre-Merida 2014 (Foto: ufficio stampa)

Ben 12 gli atleti selezionati dallo staff tecnico della LAMPRE-MERIDA per alternarsi nel poker di corse: giorno per giorno, i direttori sportivi Pedrazzini e Matxin, col supporto dell’assistente tecnico Marzano, selezioneranno i corridori da schierare al via delle singole gare.

Numerose le stelle presenti a Mallorca, a partire da Damiano Cunego, Diego Ulissi, Sacha Modolo, Maximiliano Richeze, passando per Przemyslaw Niemiec, Josè Serpa e i giovani Kristijan Durasell, Jan Polanc e Mattia Cattaneo, per finire con l’attesissimo esordiente in maglia LAMPRE-MERIDA Chris Horner. A questi si aggiungeranno per le ultime due prove anche il campione del mondo Rui Costa e il portoghese Nelson Oliveira.

Questo il programma delle gare:
– domenica 9 febbraio, Trofeo Palma, 116 km completamente pianeggianti
– lunedì 10 febbraio, Trofeo Ses Salines-Campos-Santanyì, 183 km con 4 Gpm di 4^categoria
– martedì 11 febbraio, Trofeo Serra de Tramuntana, 150 km con l’impegnativa ascesa del Col de Puig Major a 20 km dal traguardo, in aggiunta a 2 Gpm di 2^categoria e 2 Gpm di 3^categoria
– mercoledì 12 febbraio, Trofeo Muro-Port d’Alcudia, 160 km con 4 Gpm di 2^categoria e finale pianeggiante.

Al termine del Challenge Mallorca, la LAMPRE-MERIDA si fermerà sull’isola per altri due giorni, ospite dello sponsor Merida in occasione di un evento in occasione del quale l’azienda taiwanese darà il benvenuto ai proprio rivenditori e distributori, oltre a numerosi giornalisti provenienti da tutto il mondo.

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi