Challenge Mallorca, si interrompe l’egemonia LAMPRE-MERIDA: Cunego 17°

Non c’è il tris per la LAMPRE-MERIDA nel Challenge Mallorca.

Il Trofeo Serra de Tramuntana (percorso mediamente impegnativo) non sorride ai colori blu-fucsia-verdi come le precedenti prove della rassegna spagnola, concedendo al team dei patron Galbusera il 17° posto ottenuto da Cunego.

Damiano Cunego (Foto: Bettini/ufficio stampa)
Damiano Cunego (Foto: Bettini/ufficio stampa)

L’analisi della corsa dei ragazzi dei ds Pedrazzini-Matxin-Marzano non si deve però limitare alla considerazione del risultato, ma deve ampliarsi e registrare gli ottimi segnali mostrati sul piano della compattezza di squadra e dello sprito di dedizione di tutti i corridori del team.

Il gruppo blu-fucsia-verde, infatti, si è messo in luce guidando in maniera decisa e armonica la caccia ai 6 attaccanti di giornata (Vakoc, Kangert, Del Pino, Mejias, Belkov, Piedra): con la collaborazione del Team Sky, la fuga è stata neutralizzata con i giusti tempi, prima che nella discesa verso il traguardo si avvantaggiasse il duo Henao-Kwiatkowski, con il polacco in grado poi di tagliare per primo la linea del traguardo.

Il ds Pedrazzini ha tracciato il bilancio della corsa: “Dopo due successi, sapevamo che non sarebbe stato facile ripetersi, anche perché le altre squadre avrebbero lasciato a noi il compito di gestire la corsa. Così è stato, ma la risposta dei nostri atleti è stata impeccabile: tutti hanno dato un efficace contributo nell’inseguimento ai fuggitivi, con l’intento di offrire a Ulissi e a Rui Costa la possibilità di provare a lottare nel finale per un buon risultato.

Mi ha fatto piacere vedere corridori come Horner e Cunego mettersi a disposizione della squadra: hanno dato la loro disponibilità, sapendo che devono lavorare per raggiungere un livello di competitività che permetta loro di puntare a obiettivi fissati per i prossimi mesi.

Peccato aver perso l’occasione di rimanere fino all’ultimo in lizza per un piazzamento, visto che nella discesa, molto veloce, i nostri atleti di punta sono rimasti un po’ chiusi e non sono riusciti a recuperare posizioni”.

ORDINE D’ARRIVO
1- Kwiatkowski 3h59’51”
2- Boasson Hagen 27″
3- Gavazzi s.t.
4- Brambilla s.t.
17- Cunego 27″
30- Rui Costa 31″, 28- Ulissi s.t., 34- Niemiec s.t., 36- Horner s.t., 54- Serpa 8’54”, 65- Oliveira 10’12”, 81- Cattaneo 14’19”, 120 Durasek 17’41”.

News Reporter
Amo lo sport e la tecnologia, da sempre provo a combinarli e farne un lavoro. Sono cresciuto col mito degli Azzurri del 1982, di Paolo Rossi e Platini. John McEnroe, Katarina Witt e la pallavolo mi hanno però fatto scoprire quanto siano belli tutti gli sport.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi