Itely Milano verso Corigliano: la parola al secondo allenatore Giulio Bottino
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Dopo il passo falso casalingo contro Sora (3-1), per l’Itely Milano all’orizzonte c’è la lunga trasferta in Calabria, dove domenica i meneghini saranno di scena a Corigliano, ospiti del Caffè Aiello. In casa lombarda, il viaggio sarà un ritorno alle origini per il secondo allenatore Giulio Bottino, nato Paola (Cosenza).

Giulio Bottino (a destra) a colloquio con Damiano Valsecchi (Foto: ufficio stampa)
Giulio Bottino (a destra) a colloquio con Damiano Valsecchi (Foto: ufficio stampa)

 

E’ lo stesso vice di Maranesi a fare il punto della situazione tra la gara interna persa contro la Globo Banca Popolare del Frusinate Sora e il match in arrivo contro Corigliano.

“Il risultato di domenica scorsa – spiega Bottino – lascia un po’ di amaro in bocca perché non solo ce la siamo giocata a viso aperto, ma perché a tratti siamo stati anche superiori. Del resto, avevamo azzeccato tutte le scelte tattiche, frutto dello studio in settimana”.

L’Itely era in vantaggio sia nel primo sia nel terzo set, entrambi persi: dove sta il maggior rammarico?
Nel primo set, perché abbiamo commesso undici errori punto e con queste cifre perdi sempre“.

Guardiamo avanti: all’orizzonte c’è la trasferta di Corigliano.
Sarà ostica e ci attende una partita difficile, contro una squadra molto diversa da quella affrontata all’andata. In più c’è l’opposto, Williams, oltre a un nuovo allenatore (Totire). Giocheremo in un campo caldo contro una squadra che in casa ha dato fastidio a tutti. Dovremo far bene in battuta: sembra ripetitivo, ma per noi il rendimento in questo fondamentale è molto importante“.

Per te è la prima stagione da allenatore in serie A: come sta andando?
E’ il sogno di una vita che si sta realizzando e che sto vivendo a occhi aperti. Rispetto alle categorie a cui ero abituato, ci sono atleti completamenti diversi, ma ho visto che la base di lavoro rimane la stessa, ovviamente integrata con più particolari e con una mole di allenamento maggiore“.

Nella foto, Giulio Bottino (a destra) a colloquio con Damiano Valsecchi

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi