Hockey Milano, l’Asiago riconquista l’Agorà con cinque reti
Ti piace questo articolo? Condividilo!
Per il terzo martedì consecutivo l’Asiago scende in pista per completare il ciclo delle partite rimaste da recuperare nel calendario da parte della formazione stellata. Per l’esattezza, di scena c’è la ripetizione di Hockey Milano Rossoblu – Supermercati Migross H.C. Asiago, la partita che si era interrotta al 39’ lo scorso 16 gennaio, in occasione della 29esima giornata, per la rottura di un cristallo dell’Agorà e che la commissione campionati della F.I.S.G. ha deciso di far ripetere per intero.
Il Milano, in sesta posizione, gioca  in casa la sua seconda partita consecutiva dopo la pesante sconfitta maturata contro il Val Pusteria. L’Asiago vuole consolidare il secondo posto ed è reduce da tre successi consecutivi contro Cortina, Renon e Valpellice che hanno rimesso in orbita la formazione giallorossa. In casa Milano c’è da segnalare l’assenza di Paul Dainton, oltre a quelle degli infortunati Latin e Migliore e dello squalificato Guerra. Torna in pista Edoardo Caletti che ha saltato l’ultimo turno. L’Asiago ritrova Luca Rigoni e Sean Bentivoglio. Assenti Paul Zanette, Stefano Marchetti, Michele Stevan, Luca Mattivi, Jose Magnabosco e Fabrizio Pace.
Primo tempo dalla grande intensità all’Agorà, dove l’Asiago parte con una certa decisione mettendo sotto pressione il Milano, che riesce comunque a rispondere colpo su colpo alle iniziative degli attaccanti vicentini, protagonisti fin dai primi minuti di gioco. I padroni di casa cercano di fare male in contropiede, come nel caso di Fontanive, o con alcune conclusioni da lontano cercando la deviazione davanti a Marozzi sui tiri dalla distanza di Lutz e Gellert. I vicentini hanno la grande occasione per passare su un disco di Ulmer, lasciato a Bentivoglio, per una deviazione che chiama Della Bella alla parata plastica per chiudere ogni angolo della gabbia. Gli ospiti avrebbero anche una superiorità numerica a favore ma non riescono a sfruttarla a dovere anche per l’intraprendenza dei difensori rossoblu che liberano più volte il proprio terzo con grande concentrazione. Tornati in parità numerica sono i rossoblu a cercare la via della rete aggredendo i portatori di disco vicentini nel proprio terzo difensivo e chiamando Marozzi alla parata sulle conclusioni di Fontanive (due volte) e DiDiomete. Ultimi minuti di gioco equilibrati con le due squadre che restano su livelli di gioco accettabili fino al suono della sirena.
Al ritorno in pista il ritmo resta godibile e le due squadre continuano a cercare il gol, non sfruttando però una superiorità numerica a testa nei primi cinque minuti iniziali. I vicentini passano a condurre grazie ad un tiro dalla blu di Strazzabosco ben respinto da Della Bella ma sulla quale riesce a ribadire in rete Benetti con un tocco in diagonale. Il Milano non si scompone, resta lucido e perviene al pareggio grazie ad un’azione in velocità di Fontanive che trova il corridoio giusto per presentarsi davanti a Marozzi e batterlo con un bel rovescio elegante. Della Bella protagonista con il gambale fermando un tentativo di Borrelli appostato a pochi passi dalla sua gabbia. Altra penalità che punisce il Milano (Gellert in panca puniti) e vicentini nuovamente avanti grazie alla deviazione di Matteo Tessari che davanti allo slot rossoblu devia il disco di Signoretti mettendo fuori causa Della Bella. Poco dopo arriva anche il 3-1 stellato, con il Milano in superiorità, infilando il disco in rete con un grande tiro di polso di Borrelli fra i gambali di Della Bella. Ultimi minuti di periodo con i milanesi ancora con l’uomo in più ma con Marozzi decisivo in almeno due occasioni, lasciando blindata la sua gabbia nel momento in cui i rossoblu cercano il gol per dimezzare lo svantaggio, senza riuscirvi anche per il suono della seconda pausa sul ghiaccio.
Tornate in parità numerica le due squadre continuano la loro sfida senza risparmiarsi, ma è l’Asiago ad andare vicino alla rete con Bentivoglio che saggia nuovamente i gambali di Della Bella, bravo stavolta a respingere il rovescio dopo non aver abboccato alle finte del numero 19 asiaghese. L’estremo milanese ancora protagonista sulla conclusione di Rigoni, deviata in modo provvidenziale con la pinza, ma nulla può sul tocco ravvicinato di Ulmer che corregge in rete un grande assist di Bentivoglio. Per Ulmer si tratta della prima rete dal 7 dicembre e dopo l’assenza per l’infortunio al ginocchio. Il Milano fa fatica ad uscire dal proprio terzo difensivo sulla spinta di un Asiago che continua ad attaccare con efficacia, concedendo poco o nulla ai tentativi di replica dei padroni di casa. Su uno di questi tentativi si salva alla grande su una deviazione nel traffico di Schell. I rossoblu sono costretti ad usare spesso le maniere forti, tanto che Ranallo si accomoda in panca puniti, concedendo l’ennesima possibilità agli ospiti di giostrare con l’uomo in più sul ghiaccio, provando varie situazioni con il suo box offensivo. La mole di gioco asiaghese viene premiata dalla rete del 5-1 siglata da Borrelli, che raccoglie un disco da posizione centrale e lo piazza sotto la traversa in maniera imparabile. La gara finisce praticamente qui anche se l’Asiago continua nella sua azione decisa, lasciando respirare il Milano solo negli ultimi minuti di gioco, portando alla fine questa partita che i vicentini vincono. Grazie a questo successo l’Asiago si porta a più 4 punti sul Val Pusteria per la lotta al secondo posto generale in classifica.
Per l’Asiago è la quarta vittoria consecutiva. Il Renon, capolista, è a sei punti di vantaggio sui giallorossi con tre giornate da disputare. L’unica nota stonata, se così si può dire, è l’imbattibilità di Marozzi, estremo dell’Asiago, che è stata violata dal gol di Fontanive dopo 161 minuti. Il Milano rimane ancorato al sesto posto ben lontano dal Cortina. 
Elite A ITAS Cup – Ripetizione incontro 29esima Giornata – Martedì 25 febbraio 2014
Hockey Milano Rossoblu –Supermercati Migross H.C. Asiago 1-5 (0-0/1-3/0-2)
Marcatori: 26:47 (0-1) F.Benetti (N.Tessari/M.Strazzabosco); 29:43 (1-1) N.Fontanive (A.A.Estoclet/A. Gellert); 33:21 (1-2) M. Tessari (A. Signoretti/D.Borrelli) in sup.num.; 35:07 (1-3) D.Borrelli (M.Zanette/D.Sullivan) in inf.nun.; 45:08 (1-4) L.Ulmer (S.Bentivoglio); 53:52 (1-5) D.Borrelli (K.Devirgilio);
Formazione Milano
Portieri: P. Della Bella 60:00 – (F.Tesini);
Difensori: J.Fritsch, A.Gellert, A. Re, A.Lutz, N.Lo Russo;
Attaccanti: N. Fontanive -A.Estoclet– M.Lo Presti; D.DiDiomete; B.J.Schell, M.Ranallo, E.Caletti, T.Goi, M.Borghi, S.Gherardi;
Allenatore: A. Insam
Formazione Asiago
Portieri: V.Marozzi 60:00  – (G.Pavone)
Difensori: N.Ross, A. Signoretti, D.Sullivan, L.Casetti, M.Strazzabosco;
Attaccanti:  S.Bentivoglio -L.Ulmer – K.Devergilio; M.Zanette, -D.Borrelli -M.Tessari; M.Presti F.Benetti-L.Rigoni; N.Tessari;
Allenatore: J.Parco;
Tiri in porta: Milano 36 (15/15/6) – Asiago 35 (11/13/11)
Penalità: Milano 6×2’ – Asiago 6×2’
Powerplay: Milano 0-4 – Asiago 1-4
Arbitri: Daniel Gamper e Nadir Ceschini; Giudici di linea: Pier Lorenzo Chiodo e Stefano Marchetti
Classifica Elite A Itas Cup
1) Renon 84 punti;
2) Asiago 78 punti;
3) Val Pusteria 74 punti;
4) Valpellice punti 68;
5)  Cortina 57 punti;
6)  Milano 49 punti;
7)  Vipiteno 38 punti;
8)  Fassa 20 punti;
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi