Titolo tricolore indoor assoluto per le ragazze della Bracco Atletica
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Dei campionati italiani indoor assoluti di atletica di Ancona, andati in scena lo scorso week-end, Millanosportiva ha già reso conto delle imprese di Eleonora Giorgi e Nicole Reina.

Per completare il quadro di quanto successo nelle Marche dobbiamo sottolineare anche la grande impresa della Bracco Atletica, vincitrice femminile a squadre davanti alle Fiamme Azzurre e all’Esercito. Si tratta di un’impresa, sì, storica perché erano 10 anni che una società civile non arrivava davanti a quelle militari.

Foto da braccoatletica.it
Foto da braccoatletica.it

Sono stati 78 i punti portati a casa dalle atlete della Bracco Atlerica, dieci in più di Esercito e Fiamme Azzurre, determinanti anche per la conquista del titolo italiano della combinata dopo il successo nella categoria under 23 ed i piazzamenti con allieve e junior.

Sul podio sono salite Sara Galimberti, seconda nei 3000 metri alle spalle di Giulia Viola, che correndo in 9’15″93 ha letteralmente demolito (con un miglioramento di circa 20 secondi) il primato sociale, identico primato anche per la giovane ostacolista Silvia Zuin, terza con 8″38, alle sue spalle quinta piazza per la capitana Sara Balduchelli la cui partecipazione alla gara è stata in dubbio fino all’ultimo causa i postumi di un lieve infortunio. Terza piazza anche per la marciatrice Sibilla Di Vincenzo nella stessa gara sesta, vicinissima al primato sociale promessa l’allieva di Alessandro Gandellini, Alessia Costantino che ha marciato in 13’51″51.

Finali per Marta Maffioletti nei 400 (6^ in 55″37); Miriam Galli nell’asta (4^ con m.4,10); Maria Moro nel triplo (5^ con m. 12,86); Claudia Rota nel peso (5^ con m. 12,86) e la staffetta 4×200 con Gamba-Alberti-Battaglia e Maffioletti (4^ con 1’40″13).

Fra le gare maschile, ottima prova dell’unico nostro rappresentante, Leonardo Dei Tos che nei 5 chilometri marcia ha conquistato un valido terzo posto con 20’07″78.

News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi