Sochi 2014: Valentina Marchei e la medaglia di legno
Ti piace questo articolo? Condividilo!

Un quarto posto alle Olimpiadi può lasciare l’amaro in bocca ma può anche essere anche accolto come un risultato importante e valere quasi come un “oro”. Valentina Marchei, 27enne di Basiglio, è soddisfatta per la medaglia di legno raggiunta dall’Italia a Sochi nella prova a squadre del pattinaggio artistico.

Valentina Marchei, cosa significa il quarto posto nella prova a squadre per il pattinaggio artistico italiano? «E’ la conferma che l’Italia è ormai una realtà importante del pattinaggio artistico mondiale».

Valentina Marchei
Valentina Marchei

Ha dei rimorsi? «No perché sul ghiaccio ho dato tutta me stessa e, infatti, ho fatto le miei miglior performance di sempre nell’individuale. Il mio risultato, 173.33, rappresenta il mio miglior punteggio in carriera. L’anno scorso ai Mondiali ero diciottesima e dunque non ho nulla da rimproverarmi. In più nella mia finale della gara a squadre ho raggiunto un piazzamento ‘virtuale’ individuale che è un bronzo».

Finalmente hai i suoi pattini.. “Sono arrivati stamattina a Malpensa. Meno male che è finita questa odissea perchè a 3 settimane dai Mondiali (dal 23 al 30 marzo a Tokyo) sarebbe stato un bel problema prepararsi senza i propri pattini”.

La sua compagna di nazionale Kostner potrebbe essere all’ultima stagione. Vede qualche giovane pronta a raccoglierne l’eredità? «Non so quando Carolina smetterà, ma il movimento italiano sta bene e le giovani promesse ci sono. Certo la strada che devono fare è ancora lunga e in salita, ma se daranno il massimo potranno togliersi diverse soddisfazioni e magari raccoglierne anche la “pesante eredità”».

Lei è la seconda della famiglia Marchei a fare un’Olimpiade, perché suo padre Marco è stato a Mosca 1980 e Los Angeles 1984 come maratoneta. Qual è il vostro segreto? «Amiamo quello che facciamo. Sono stata molto fortunata ad avere un padre che ha vissuto lo sport in prima persona perché mi ha sempre aiutato nei momenti di difficoltà e non mi ha mai imposto nulla». (Tratto da Il Giorno, articolo a firma Lorenzo Pardini)

Avatar
News Reporter
Calabrese di nascita e milanese d'adozione, giornalista dal lontano 2001. Specializzato in ambito sportivo e appassionato del mondo dei videogiochi. Adora Kakà, innamorato da sempre di Van Basten, tanti anni divisi tra aule universitarie e campi di calcio l'hanno portato, alla fine, ad intraprendere il lavoro più bello del mondo. Quello del giornalista.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa i cookie. Continuando a visitare queste pagine accetti la nostra Cookie Policy. Leggi di più

Questo sito abilita l'utilizzo dei cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Se vuoi saperne di più sull’utilizzo dei cookie nel sito e leggere come disabilitarne l’uso, leggi la nostra informativa estesa sull’uso dei cookie.

Chiudi